xxx








xxx

"I grandi alberi monumentali dei Nebrodi" - Presentazione del volume il 2 dicembre

Evento organizzato da Federparchi, Ente Parco dei Nebrodi e Società Botanica Italiana

14 Novembre 2013

   Lunedì 2 dicembre, alle 18.30, al centro-convegni “Carte Geografiche”, a Roma, Federparchi e Parco dei Nebrodi presentano la pubblicazione  “I grandi alberi monumentali dei Nebrodi”. Nel volume, curato dai botanici Rosario Schicchi, Giuseppe Bazan, Pasquale Marino e Francesco Maria Raimondo dell’Università di Palermo, sono riportate schede e immagini riguardanti 60 splendidi esemplari plurisecolari, selezionati su oltre 200 alberi, alcuni dei quali hanno caratteri di eccezionalità. Tra questi anche il grande “Acerone” che si erge maestoso con oltre 20 metri di altezza e 6 metri di circonferenza alle pendici di Monte Soro, la vetta più alta dei Nebrodi (1847 metri) e l’enorme Faggio di Fago Scuro, entrambi per le dimensioni del loro fusto, sono gli individui più grandi delle rispettive specie in Sicilia e, con molta probabilità, anche del territorio Italiano. Altri esemplari rilevanti, inseriti nella pubblicazione, sono gli ulivi censiti nei territori dei comuni di Caronia, Pettineo e Tusa, che superano i 9 m di circonferenza a petto d’uomo e i 18 metri in corrispondenza della ceppaia. Il programma dell’incontro prevede, nel dettaglio, un’introduzione del presidente dell’ente parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci, le relazioni di Carlo Blasi della Sapienza Università di Roma e di Rosario Schicchi dell’Università di Palermo, mentre le conclusioni finali saranno del presidente della Società Botanica Italiana Franco Maria Raimondo e del presidente di Federparchi Giampiero Sammuri.   I Nebrodi, lo ricordiamo, fanno parte della catena montuosa dell’Appennino Siculo e presentano una notevole ricchezza di ambienti che ospitano un ricco patrimonio floristico e forestale che costituisce, sotto l’aspetto naturalistico-paesaggistico e per lo stato di conservazione, la parte più rilevante e significativa dell’area protetta.  
IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2019 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400