xxx








xxx

Sammuri: rendere le aree protette più efficaci di fronte alle sfide del futuro

snellire le procedure e valorizzare le competenze, la tavola rotonda del WWF con il Ministro Costa

11 Settembre 2018

"Oggi il WWF il ha presentato il suo check  up sui Parchi nazionali e sulle aree marine protette; faccio i  complimenti alla presidente Donatella Bianchi per il lavoro prodotto.

I Parchi  e la e aree protette italiane hanno fatto tanto in tema di conservazione  e tutela della biodiversità, così come  sulle questioni legate allo sviluppo ecosostenibile. Potevamo e possiamo fare di più. Per questo ritengono che vadano fatti alcuni aggiustamenti in termini di normativa, procedure e risorse. Tra i vari punti da affrontare mi limito a due esempi: il piano deI parco e le risorse.  Come lo stesso Ministro Costa ha affermato,  sono pochi i Parchi che hanno adottato il Piano, ma non è colpa dei parchi, ma di procedure complesse  e tortuose che spesso, dopo un lungo iter, riportano gli enti al punto di partenza. Serve una semplificazione per mettere in condizioni gli enti gestori delle aree protette di dotarsi dei piani attuativi, strumenti importanti per la programmazione.

Vi è poi il tema delle risorse legato, in particolare, al personale soprattutto di carattere tecnico. I Parchi devono potersi dotare delle figure necessarie per  funzionare al meglio:  biologi e naturalisti, agronomi, forestali, geologi, veterinari;  sono tutte competenze  fondamentali per le attività  di un parco e vanno inserite nelle piante organiche e assunti. Così come serve una maggiore flessibilità nell’utilizzo delle risorse per gli enti gestori.  

Questi interventi si possono  realizzare facilmente, insieme ad altre piccole revisioni della normativa, al fine di avere un sistema  delle aree protette più efficiente ed efficace, in grado di  affrontare le sfide del futuro  e di dare risposte adeguate alla loro missione:  garantire la tutela della natura e della biodiversità cercando il giusto equilibrio con le comunità e i territori."

E’ quanto afferma il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, intervenendo alla tavola rotonda organizzata dal WWF Italia  sul check up dei Parchi e delle   aree marine  protette  a cui hanno partecipato anche il  Ministro Costa, i Carabinieri, Legambiente e altri soggetti  del mondo ambientalista.

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2018 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400