xxx








xxx

Contemporaneità dell’Appennino, il 22 ore 15 i parchi al festival di Symbola

Eredità e attualità del progetto Ape - Appennino Parco d’Europa, appuntamento online nell’ambito del festival della Soft Economy

21 Luglio 2020

Il progetto APE-Appennino parco d’Europa a 25 anni dal lancio mantiene intatto il valore della sua visione e delle sue strategie di conservazione della natura e sviluppo locale. L’Appennino può “ritornare al futuro” grazie ad una rinnovata centralità della montagna sollecitata dalla crisi climatica e grazie all’affermarsi di una nuova contemporaneità (fatta di digitale, riscoperta dei borghi, filiere forestali e agroalimentari) nel segno della sostenibilità. Evento online nell’ambito del festival della  Soft Economy organizzato dalla Fondazione Symbola.

Diretta su www.symbola.net, Facebook  Federparchi e Symbola

Modera

OSCAR BUONAMANO giornalista, Direttore editoriale Carsa

Riflessioni introduttive

AGOSTINO AGOSTINELLI VIcepresidente Federparchi

Relazione di apertura

FABIO RENZI Segretario generale Fondazione Symbola

Contributi

PAOLO CASTELNOVI Architetto, Presidente Landescapefor

GIUSEPPE DEMATTEIS Professore Emerito Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio Politecnico Torino

GIAMPIERO LUPATELLI Economista territorialista, Vicepresidente Caire

MASSIMO SARGOLINI Architetto, professore ordinario di urbanistica dell’Università degli Studi di Camerino

Intervengono

MARCO BUSSONE Presidente nazionale Uncem

FRANCESCA CAMPORA Direttore generale Fondazione Edoardo Garrone

GIOVANNI CANNATA Presidente Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

FAUSTO GIOVANELLI Presidente Parco nazionale Appennino Tosco Emiliano

TOMMASO NAVARRA Presidente Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga

DOMENICO PAPPATERRA Presidente Parco nazionale del Pollino

PASQUALE PAZIENZA Presidente Parco nazionale del Gargano

GABRIELE SANTARELLI Presidente Parco regionale della Gola della Rossa e di Frasassi

LUCA SANTINI Presidente Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.

LUCIO ZAZZARA Presidente Parco nazionale della Majella

Concludono

ANTONIO NICOLETTI Responsabile nazionale Legambiente Aree protette e biodiversità

GIAMPIERO SAMMURI Presidente Federparch

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2020 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400