Newsletter di Federparchi
 Aprile 2012
Foto Primo Piano Editoriale

Documento sulla modifica della legge quadro sulle aree protette

Federparchi-Europarc Italia insieme a Associazione Teriologica Italiana, ISPRA, Società Botanica Italiana, Società Entomologica Italiana, Società Italiana di Biogeografia, Unione Zoologica Italiana, pubblicano un documento sulla modifica della legge 394/91. Il documento, frutto dell’incontro tra i consigli direttivi delle associazioni che rappresentano le aree protette e del mondo scientifico italiano legato alla biodiversità, ha l’obiettivo di  presentare aspetti utili ad una riflessione comune sulle proposte di modifica della legge 394/91, attualmente in discussione  alla Commissione Ambiente del Senato. Per scaricare il documento clicca qui...Leggi tutto

Indice

   
   

Federparchi e Associazione Teriologica Italiana, insieme per la raccolta dati.

Questionario on-line.

L'Associazione Teriologica Italiana (ATIt), nell'ambito del prossimo Congresso Nazionale, che si terrà a
Piacenza dal 9 all'l1 maggio, sta organizzando due workshop che intendono porre l'attenzione su tematiche di particolare importanza per l'attività dei Parchi ed il loro ruolo nella gestione e conservazione della fauna.
I due momenti di discussione e confronto saranno “Fauna problematica nella aree protette” e
“Strategia nazionale per la biodiversità e Mammiferi”.

Al fine di raccogliere pareri sui temi trattati direttamente dagli stakeholder, con l'obiettivo di fornire un quadro di sintesi delle diverse percezioni, delle criticità e delle priorità che gli operatori del settore si trovano giornalmente ad affrontare, i coordinatori dei workshop hanno predisposto un breve questionario on-line pubblicato all'indirizzo:

http://kwiksurveys.com?u=atit-faunaareeprotette.

Federparchi e ATIt invitano le Aree Protette a fornire i dati, compilando il questionario entro il 30 aprile p.v.

Tale tempistica consentirà l'analisi dei dati emersi, i cui risultati saranno elaborati, discussi in seno ai workshop e pubblicati sul sito di Hystrix, the Italian Journal of Mammalogy, dandone informazione anche a tutti coloro che avranno partecipato alla compilazione dei questionari.

   

Riunione coordinamento aree protette della Sicilia

Si terrà 17 aprile p.v., alle ore 16.30 presso l’Assessorato Territorio e Ambiente della Regione
In via Ugo La Malfa, 169 – Palermo, riunione tra le Aree protette siciliane, finalizzata tra l’altro alla costituzione del Coordinamento regionale dell’associazione.

   

Federparchi da avvio ad un nuovo corso di aggiornamento.

Parte Learn To Lead.

Dopo l’ottimo risultato del corso di aggiornamento  “Mappare i parchi tramite il rilievo Gps e Open Street Map”, Federparchi continua il suo impegno nella formazione e propone un nuovo corso dal titolo Learn To Lead. Realizzato con la collaborazione tecnica di Entropy Knowledge Network, il corso sarà dedicato allo sviluppo delle competenze di Leadership, tema delicato che rappresenta una delle maggiori sfide che le moderne organizzazioni si trovano oggi ad affrontare.
Il corso di aggiornamento, destinato alle figure apicali delle aree protette socie della federazione,  si realizzerà presso il Centro Studi Valerio Giacomini, nel Parco Regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, a Pisa, dal 10 all’11 maggio 2012.
Contrariamente a vecchi modelli che concepivano la leadership in maniera quasi ‘eroica’, interpretandola come una dote innata e quindi non modificabile, oggi per leadership si intende la capacità di assumersi la responsabilità degli obiettivi, di gestire le persone, di favorire l'innovazione e la crescita, di dialogare con l'ambiente esterno in cui una organizzazione è inserita. In questa luce il percorso formativo Learn to lead rappresenta un momento di sensibilizzazione rispetto all’importanza della leadership e, più in particolare, un’occasione per mettere in evidenza l’impatto che tale caratteristica esercita sulla qualità e sull’efficacia del lavoro. Il progetto formativo punta inoltre ad introdurre modelli e strumenti in grado di potenziare la capacità dei partecipanti di esercitare le proprie doti di leadership.
Il corso, destinato ai primi 20 dirigenti che si iscriveranno, è completamente gratuito per i soci della Federparchi in regola con il pagamento della quota associativa. La federazione invita i dirigenti delle aree protette italiane ad aderire entro il 27 aprile .  

   

Convocazione dell’Assemblea ordinaria della Federazione

E’ convocata, ai sensi dell’articolo 9 dello Statuto, l’Assemblea Generale dell’Associazione che si svolgerà Giovedì 26 aprile alle ore 9.00 (in prima convocazione) e venerdì 27 aprile 2012, alle 15.00 (in seconda convocazione) nel Parco nazionale del Gran Paradiso a Cogne.
L’evento rappresenta anche un’occasione per celebrare i 90 anni del Parco nazionale del Gran Paradiso, saranno pertanto previste delle visite guidate al Parco, organizzate in collaborazione con la Fondazione Grand Paradis.
Al termine dell’Assemblea sarà siglato un accordo con Drogherie Ditali. L’obiettivo è sviluppare l’attività di Stampa Digitale di FotoBooks pre-disegnati con la grafica di ogni ente parco / area protetta che aderirà al progetto. Un’azione che porterà sempre più i parchi nelle case dei turisti e contribuirà ad alimentare il Fondo Italiano per la Biodiversità.

   

Aree marine protette e piccola pesca, sostenibilità ambientale ed economica

Federparchi ha organizzato un incontro con i pescatori artigianali, all’interno del progetto MedPan North

Il 17 e il 18 marzo 2012, l’area marina protetta di Torre Guaceto ha ospitato la prima “Riunione dei pescatori artigianali e delle aree marine protette del Mediterraneo”, organizzata da MedPAN e promosso da Federparchi – Europarc Italia. MedPAN è la rete di gestori di aree marine protette del Mediterraneo, i cui due principali obiettivi sono lo scambio di esperienze tra i responsabili di riserve marine e lo sviluppo di strumenti di gestione efficace delle Aree Marine Protette. L’incontro è stato promosso dal Progetto MedPan North, anche con Parco Port Cros, Riserva di Torre Guaceto e WWF.

Dall’incontro sono emerse quattro richieste alla Commissione Europea, che sta lavorando in questi mesi alla nuova riforma della pesca: il sostegno della multifunzionalità e della diversità dei mestieri della pesca artigianale costiera del Mediterraneo, il sostegno della co-gestione (tra pescatori, aree marine protette, ricercatori e decisori politici) della pesca artigianale nei piani d’azione a lungo termine con l’apertura di una linea di finanziamento specifica per la pesca artigianale, l’attivazione di una reale politica di controllo della pesca cosiddetta sportiva e l’inclusione, nella Riforma, di un’alleanza con le aree marine protette del Mediterraneo per la gestione della pesca per la conservazione della diversità biologica e culturale e per la tutela delle risorse marine.

Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi – Europarc Italia, ha sottolineato come «le aree marine protette rappresentino un importante strumento di gestione della biodiversità che permette, oltretutto, la collaborazione e il rispetto delle realtà economiche al proprio interno. La pesca artigianale ha il grande pregio di essere selettiva, e quindi sostenibile da un punto di vista ambientale ed economico, oltre che di supportare le attività di monitoraggio della biodiversità, con cui si possono calibrare le azioni di conservazione».

Nelle aree marine protette del Mediterraneo, le soluzioni contro la crisi della pesca, che ha visto il crollo degli stock ittici quasi del 90%, sono già in atto e sono tutte in piena sintonia con la sostenibilità: nella Riserva di Torre Guaceto, ad esempio, si è triplicata la pesca sfruttando gli ‘interessi’ del capitale di pesca protetto dall’area pugliese, mentre a Portofino il nucleo di anziani pescatori, appena 50, ha permesso la creazione del primo marchio UE di prodotti di mare, le tipiche acciughe sotto sale del Mar Ligure, e un Presidio Slow Food. «Queste buone pratiche», ha dichiarato Giampiero Sammuri, «dimostrano ancora una volta che le aree marine protette, oltre a tutelare la biodiversità, sono un incentivo e non un freno all'economia del mare».

La prima “Riunione dei pescatori artigianali e delle aree marine protette del Mediterraneo
La prima “Riunione dei pescatori artigianali e delle aree marine protette del Mediterraneo
   

Federparchi e Minimo Impatto insieme per limitare i rifiuti nei parchi

Sconti e promozioni per gli associati alla Federazione su molti prodotti per un basso impatto antropico nelle aree protette

Anche per tutto il 2012 Federparchi - Europarc Italia e Minimo Impatto, azienda attiva nella commercializzazione di prodotti a basso impatto, sosterranno l'utilizzo di stoviglie monouso biodegradabili e compostabili a marchio Mater-Bi® nei parchi naturali, con lo scopo di limitare i rifiuti non riciclabili ed aumentare la raccolta ed il trattamento della FORSU, la frazione organica del rifiuto solido urbano, per la produzione di compost di qualità.

Minimo Impatto offre alle aree protette uno sconto del 20% sugli articoli acquistati on-line attraverso il sito di e-commerce (www.minimoimpatto.it), inserendo il codice FEDERPARCHI20, al momento della conferma dell’acquisto. Lo sconto vale su tutti i prodotti catering. Sugli altri prodotti lo sconto è pari al 10%. Lo sconto non si applica su tutti prodotti in offerta.

Federparchi - Europarc Italia ha l’obiettivo, attraverso questa collaborazione, di rinnovare il proprio impegno nella conservazione della biodiversità, nel migliorare le condizioni di vita delle popolazioni e nel processo di contrasto e di adattamento al cambiamento climatico tramite la ricerca e la conservazione di equilibri ecologici, con la graduale diminuzione dell’impronta ecologica delle popolazioni residenti e dei visitatori delle aree protette.

   

Intesa per il parco nazionale dell'Appennino Lucano: segnale positivo per tutto il sistema

Il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, ha concesso l'"Intesa" per la nomina a presidente del Parco nazionale dell’Appennino Lucano, Val d’Agri e Lagronegrese dell’ingegner Domenico Totaro, che al momento svolge l’incarico di Commissario straordinario del parco.

L’intesa su Domenico Totaro per il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano va salutata come una scelta di alto profilo che qualifica i due protagonisti: il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, e il Ministro dell’Ambiente, Corrado Clini. Il Presidente di Federparchi – Europarc Italia, Giampiero Sammuri, ha dichiarato che «l’intesa su Domenico Totaro a Presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano rappresenta un importante segnale per tutti i parchi italiani, che testimonia come il valore e le capacità, dimostrate nel periodo da Commissario, possano essere riconosciute a livello istituzionale, soprattutto quando alla competenza si lega la sensibilità per le istanze di un territorio complesso come quello della Val D’Agri». Inoltre Sammuri si congratula per l’attenzione e la sensibilità dimostrata dal Ministro Clini verso il superamento dei commissariamenti, come richiesto con decisione da Federparchi – Europarc Italia sin dal primo incontro con il Ministro pochi giorni dopo la sua nomina. Alle parole stanno seguendo velocemente i fatti: prima i due parchi pugliesi, Gargano e Alta Murgia, ora l'Appenino Lucano. All'appello mancano il Parco della Majella e quello delle Cinque Terre, ma Sammuri si dichiara fiducioso nell'azione del Ministro Clini anche per il superamento degli ultimi due commissariamenti.

Domenico Totaro
Domenico Totaro
   

Cets: cominciata la verifica di Europarc nei parchi italiani

È iniziata la fase di verifica per i nove parchi italiani che, nel 2011, hanno presentato la candidatura per il conseguimento della Carta Europea per il Turismo Sostenibile.

La procedura è ormai consolidata: dopo una prima valutazione positiva della documentazione, Europarc Federation invia in primavera i suoi verificatori per le visite sul campo e gli incontri diretti con i responsabili delle aree protette e gli attori coinvolti nel processo di certificazione.

La prima area protetta a ricevere la visita del verificatore è stata la Riserva di Monte Rufeno, in Lazio, che, con un calendario fittissimo di incontri di due giorni, ha potuto illustrare ad Europarc il grande lavoro svolto con il Comune di Acquapendente, i numerosi proprietari di agriturismi, che si occupano della tipica forma di ricettività turistica della zona, e i gestori delle cooperative ed associazioni locali, molto attive sul territorio.

Seguirà, a breve, la verifica delle sette aree pugliesi (il Parco Dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo e i sei parchi del Sistema del Salento), per terminare, dopo Pasqua, con la verifica del lavoro svolto dal Parco dei Colli Euganei.

L’attenzione del verificatore è diretta essenzialmente a valutare l’effettivo grado di partecipazione e di coinvolgimento degli attori ad ogni livello, la generale fattibilità e concretezza delle azioni proposte dal Piano d’Azione, in termini di risultati attesi, di indicatori di efficacia individuati e di budget previsto, e, naturalmente, di rispetto dei dieci principi ispiratori della Carta Europea del Turismo Sostenibile.

L’esperienza e la qualità professionale dei verificatori rende il momento di verifica un’importante occasione di confronto e di scambio di idee, preziosa per entrambe le parti.

Federparchi – Europarc Italia è fortemente impegnata nell’accompagnare tutti i parchi anche nelle fase di verifica, per assicurare l’assistenza tecnica ai suoi soci e per mettere in rete le esperienze delle aree protette a tutti gli stadi del processo di certificazione.

Riserva di Monte Rufeno
Riserva di Monte Rufeno
   

Documento sulla modifica della legge quadro sulle aree protette

1991-2011: i venti anni della legge 394/91

Federparchi-Europarc Italia insieme a Associazione Teriologica Italiana, ISPRA, Società Botanica Italiana, Società Entomologica Italiana, Società Italiana di Biogeografia, Unione Zoologica Italiana, pubblicano un documento sulla modifica della legge 394/91. Il documento, frutto dell’incontro tra i consigli direttivi delle associazioni che rappresentano le aree protette e del mondo scientifico italiano legato alla biodiversità, ha l’obiettivo di  presentare aspetti utili ad una riflessione comune sulle proposte di modifica della legge 394/91, attualmente in discussione  alla Commissione Ambiente del Senato.
Per scaricare il documento clicca qui

   
Federparchi Federparchi - Europarc Italia
Via Nazionale 230 - 00184 Roma
Tel. +39 06 51604940
Fax +39 06 5138400
www.federparchi.it
segreteria.federparchi@parks.it
Archivio Newsletter - Iscrizioni e cancellazioni