Vai alla home di Parks.it
Banner nazionali per parlare direttamente agli appassionati dei parchi italiani

Il progetto Parchi di Mare e Appennino


Nel raggio di settanta chilometri da un certo punto del crinale d'Appennino, si raccolgono due Parchi nazionali, cinque Parchi regionali e due aree marine protette: sono i Parchi di Mare e d'Appennino.

Perché tante aree protette, tante e così concentrate, in un cerchio percorribile in una mezza giornata di auto? Quel punto dell'Appennino é nel fuoco di uno snodo geografico e climatico: quello tra il continente e la penisola italiana. Qui si incontrano i venti, le perturbazioni, i confini climatici euro-mediterranei. Qui si incontrano e si confondono tre regioni ben distinte come l'Emilia, la Liguria e la Toscana. Qui la diversità e la complessità geografica, paesistica, biologica e meteorologica, si esprimono a livelli elevatissimi. E di conseguenza é molto elevata anche la diversità storica, culturale, agricola, produttiva ed economica.

La tutela e valorizzazione di questi ecosistemi e dei paesaggi, non può essere disgiunta dalla promozione di uno sviluppo economico compatibile, sostenibile e di qualità. La legge quadro sulle aree protette prevede esplicitamente politiche di sistema e politiche territoriali per rendere organica e più forte la tutela dell'ambiente e la promozione dello sviluppo che non si può realizzare per piccole zone di territorio.

I patti siglati tra i Parchi di Mare e d'Appennino si limitano per ora a definire relazioni intense tra le aree protette, a ricercare prodotti e azioni comuni nel campo della tutela e del turismo, anche per la naturale complementarietà tra i vari tipi di turismo (città d'arte e beni culturali, parchi e beni naturali, attività sportive, mare, montagna, neve, sapori e gastronomia) tra aree sovraccariche e aree deserte.

L'insieme di questa area -geograficamente ristretta- ma vasta per quantità e diversità di tematismi e attività, richiede coerenti azioni non solo da parte dei Parchi, ma prima di tutto dagli enti territoriali a competenza generale, le regioni, le province e i comuni. Questi sono chiamati a essere governo ed editore di identità diverse, ma al tempo stesso non possono non considerare le connessioni che il territorio propone naturalmente, poiché sono proprio queste connessioni la fonte di un grande valore aggiunto. In questa area può essere identificato un nuovo originale distretto turistico-naturalistico-culturale e di servizi di valore nazionale. Di esso i Parchi sono già oggi forte testimonianza..

sharePrintshareMailshareFacebookshareDeliciousshareTwitter
© 2017 - Parks.it