Vai alla home di Parks.it

Come salvare gli animali selvatici feriti

(20 Feb 20) L'Ente-Parco, pur non essendo direttamente coinvolto nel servizio, segnala che è attivo "Salviamoli insieme on the road", un nuovo servizio di recupero, soccorso sanitario e cura degli animali selvatici trovati in difficoltà o feriti e di successiva riabilitazione e liberazione in natura, che opera sul territorio della Città Metropolitana di Torino.

Il numero da chiamare è il 3494163385 ed è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, almeno per tutto il 2020.

Il servizio è valido solo per gli animali feriti compresi nei gruppi: mammiferi, rapaci diurni e notturni, ofidi e specie esotiche.

Risponde con un operatore specializzato del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell'Università di Torino che dà consigli su come comportarsi in attesa dell'intervento dei sanitari veterinari, valuta se, nei casi meno gravi, può essere cura del cittadino portare direttamente al CANC - Centro Animali Non Convenzionali di Grugliasco gli animali rinvenuti o se, invece, occorre un intervento diretto da parte di personale specializzato, in grado di manipolare in maniera corretta animali che non sono abituati al contatto con l'uomo e possono subire danni gravi a seguito di un intervento errato.

Il servizio è a cura di: Città Metropolitana di Torino, Struttura Didattica Speciale Veterinaria dell'Università degli Studi di Torino e ASL TO3.

Si avvisa anche che il centro di recupero più vicino al territorio delle Aree protette del Po torinese è il C.R.A.S. (Centro Recupero Animali Selvatici), dell'Associazione Centro Cicogne e Anatidi di Racconigi, con cui è possibile prendere contatti diretti in caso di necessità: si occupa di uccelli e appartiene alla rete dei Centri Regionali del Piemonte riconosciuti ai sensi della legge regionale n. 5/2018.

Per ulteriori informazioni:

http://www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2020/salviamoli_insieme/

https://cicogneracconigi.it/contact

Riccio ferito (Foto di Simona Zaghi)
Natrice (Foto di Fabrizio Nobili)
Riccio ferito (Foto di Monica Pogliano)
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po Torinese - p. iva 06398410016