Vai alla home di Parks.it
 

Life Insubricus: lavori in corso alla confluenza Po-Dora Baltea

(22 Dic 21) La Zona Speciale di Conservazione e Zona di Protezione Speciale Baraccone (confluenza Po - Dora Baltea) è un bell'esempio di ambiente fluviale, favorito dall'assenza di alte arginature in prossimità dell'alveo. Qui, il corso d'acqua per ampi tratti, dispone ancora di un'estesa area golenale: è quindi possibile osservare ampi greti, soggetti a periodiche sommersioni, e alcuni tratti abbandonati dal corso principale del fiume, le lanche, che costituiscono un habitat ideale per le specie legate agli ambienti umidi.

E proprio qui l'erpetologo Daniele Seglie, con la collaboratrice naturalista Carlotta Pasquariello, hanno posizionato i piezometri per monitorare i livelli freatici in modo da progettare gli interventi di conservazione del Pelobate fosco (Pelobates fuscus insubricus) nell'ambito del Life Insubricus.

E' un progetto che interessa un territorio molto vasto, composto da ben quattordici Siti Natura 2000 tra la Lombardia e il Piemonte, regioni alle quali appartengono la maggior parte dei siti dove la specie ancora sopravvive.

Con questo LIFE, finanziato in buona parte dall'Unione Europea, nei prossimi cinque anni si interverrà per migliorare molte aree umide in cui vive il nostro piccolo principe dei rospi, ma anche per formare volontari ed "erpetologi junior" (gli erpetologi sono coloro che studiano rettili e anfibi), i quali prenderanno parte ai lavori di monitoraggio e ripopolamento, a fianco del personale tecnico specializzato, gli "erpetologi senior".

Le Aree protette del Po piemontese incluse nel progetto sono il Po Morto di Carignano, il Baraccone (o Confluenza tra Po e Dora Baltea), il Mulino Vecchio e l'Isolotto del Ritano (lungo la Dora Baltea) e il Lago di Bertignano (vicino a Viverone), che sarà anch'esso preso in carico, anche se tecnicamente non fa parte delle aree protette gestite dell'Ente-Parco.

Per approfondire: https://www.lifeinsubricus.eu/

Posizionamento dei piezometri (Foto di Sandra Buzio)
Posizionamento dei piezometri (Foto di Sandra Buzio)
Posizionamento dei piezometri nell'acqua rompendo il ghiaccio (Foto di Sandra Buzio)
Posizionamento dei piezometri nell'acqua rompendo il ghiaccio (Foto di Sandra Buzio)
Uno degli stagni di ripopolamento del pelobate fosco insubrico al Baraccone (Foto di Sandra Buzio)
Uno degli stagni di ripopolamento del pelobate fosco insubrico al Baraccone (Foto di Sandra Buzio)
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese - p. iva 06398410016