Vai alla home di Parks.it
 

Eco-agricoltura verso Ego-agricoltura

Per le scuole: primarie, secondarie di primo grado

L'esperienza condotta può essere un esempio di una proposta educativa volta a far conoscere il territorio ed il paesaggio nella sua specificità, attraverso un metodo che tenga conto, soprattutto, della dimensione storica . Gli obiettivi principali di un approccio didattico al paesaggio devono essere principalmente tre: - la conoscenza del "proprio" paesaggio, del territorio nel quale i bambini e ragazzi quotidianamente vivono, dotato di una specificità geografica, storica e culturale; - l'educazione all'osservazione. Troppo spesso i ragazzi di oggi sono abituati a "vedere" e non ad "osservare": è importante insegnare loro a riappropriarsi pienamente del senso della vista. Molto spesso pur vivendo nel "loro" paesaggio non lo conoscono realmente, e non lo hanno mai osservato con la dovuta attenzione; - la comprensione della reale definizione di "paesaggio", del suo valore culturale e dell'imprescindibile approccio storico che deve caratterizzarne lo studio. Questo aspetto determina anche la conoscenza e la scoperta del valore delle fonti quali strumenti imprescindibili per lo studio del paesaggio.

Utilizzando l'esperienza del cammino si narrerà una storia, quella che dalle nostre campagne, arriva al moderno pellegrino, il turista alla ricerca di territori, sapori e luoghi incontaminati.

ECO come pellegrino rispettoso della storia, dell'agricoltura e del territorio, EGO come turista che non rispetta le coltivazioni, che esalta un certo tipo di agricoltura intensiva.

Il progetto aiuterà gli studenti, anche mediante la creazione e l'uso di QRcode, a definire un percorso che permette di apprezzare il sistema del paesaggio

Obiettivi

  • Scoprire il Parco del Po e l'ambiente naturale di riferimento attraverso la presentazione
  • della storia del territorio, l'origine e la sua geomorfologia, sottolineando il ruolo fondamentale assunto dall'acqua nella definizione del paesaggio.
  • Comprendere poi gli stretti legami esistenti tra sviluppo della vita, delle attività umane, presenza e qualità dell'acqua e conoscere un ambiente particolare, profondamente legato al territorio di riferimento e all'acqua: le marcite, le reti idriche e la loro evoluzione nel tempo. Esaminare e comprendere la profonda trasformazione paesaggistica a causa dell'operato dell'uomo, l'evoluzione che ha interessato l'attività agricola e l'ecosistema, presentando le principali specie faunistiche e floristiche che "disegnano'" e caratterizzano questo ambiente.
  • Verrà tracciato un percorso di visita gestito e immaginato dagli studenti attraverso la tecnica del QRcode.

Il progetto può essere fornito anche in formato a distanza attraverso l'elaborazione di un kit specifico.

Il progetto prevede una lezione introduttiva di due ore, un'uscita di mezza giornata.

Ogni modulo ha un costo di € 200 oneri fiscali inclusi. Fatturazione elettronica a regime forfettario.

Info e prenotazioni: Guida del Parco Silvia Fumagalli cell. 3385712180

Dove: Bosco delle Sorti della Partecipanza di Trino, Bosco della Pastrona
Province: Pavia, Torino, Vercelli, Alessandria, Cuneo  Regioni: Lombardia, Piemonte
Durata: una lezione introduttiva di due ore, un'uscita di mezza giornata
Costi: 200 Euro
Max. partecipanti: 25
Organizzatore: Guida del Parco Silvia Fumagalli

Campo di cereali nell'Oasi del Po Morto
Campo di cereali nell'Oasi del Po Morto
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente di gestione delle Aree Protette del Po piemontese - p. iva 06398410016