Vai alla home di Parks.it

Parco dell'Alpe Veglia e dell'Alpe Devero

Banner Locale per la promozione del territorio

Lago D'Avino (2.246 m)

A piedi         Elevato interesse: geologia Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Baite di Cianciavero (1753 m)
  • Tempo di percorrenza: 2 ore 30 minuti
  • Difficoltà: facile

E' situato in una conca ai piedi del versante orientale del Monte Leone fortemente modellata dai ghiacciai come testimoniano le rocce, i detriti morenici, i laghetti alpini e i grandi massi erratici. Originariamente laghetto alpino naturale, venne sbarrato come bacino artificiale per la produzione di energia idroelettrica profondo circa 30 metri e con una superficie di 4 km; il toponimo deriva probabilmente da lago "d'arvina" col significato di "rovina" cioè del vasto pendio sfasciato e detritico circostante poi variato un "divino" o "da vino".

Itinerario: l'escursione (circa 2 ore e 30 minuti) facile e alla portata di tutti ha inizio dalle baite di Cianciavero (1753 m) ricoperte da stupendi e regolari tetti "in piode", seguendo la stradina che entra nella valletta del torrente omonimo ci si alza a sinistra nel bosco rado da cui, poco sopra, si vedono le "marmitte dei giganti" formate da millenni di erosione fluviale. Dopo la radura erbosa di Pian Cucco un ripido canalone porta al piano sottostante la Diga.




Libri e guide
 
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente di Gestione delle Aree Protette dell'Ossola