Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri

www.parconaturalealpiliguri.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Itinerario San Bernardo di Mendatica ( Galleria del Garezzo) – Monte Frontè

Un giardino inventato dal sogno di uno spirito gioioso

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: fauna Elevato interesse: bird watching Elevato interesse: geologia Elevato interesse: panorama Elevato interesse: religione Elevato interesse: fotografia 
  • Difficoltà: EE - Per escursionisti esperti
  • Dislivello: 850 m

Dal Colle San Bernardo di Mendatica si imbocca la strada per il Colle del Garezzo: si ha subito a destra la palina e il bivio per il Monte Frontè con segnavia dell'Alta Via dei Monti Liguri.
Il sentiero sale nella bella faggeta piega a destra e con un lungo traverso arriva alla Margheria Garlenda. Qui si punta a sud nel valloncello fino ad una palina in legno dell'alta via (AVML) e poi a sinistra nel lariceto sino a sbucare sul crinale.
Da qui seguendo il crinale si supera la Cima Omo dell'Alpetta (m 2034) e la Cima Garlenda (m 2143).
Dalla Cima Garlenda si scende fino al Passo Frontè. La zona è dominata da numerose fioriture tra cui Astro delle Alpi, Camedrio alpino, Aglio piemontese, Aglio serpentino, Genziana di Villars (Gentiana villarsii), Sassifraga meridionale, botton d'oro, Genziana lutea e stella alpina.
Per quanto riguarda l'habitat esso si diversifica tra tratti di bosco di faggi e larici, praterie montane, arbusteti a rododendro, pareti rocciose calcaree; tra gli animali, oltre ai mammiferi tipici dell'ambiente alpino (camosci, cinghiali, marmotte) si distingue la coturnice, specialmente nel mese di giugno quando sopraggiunge il periodo degli amori.
Rientrati al Passo Frontè si raggiunge attraverso pista erbosa (segnavia) la strada militare del Garezzo e da lì si ritorna a San Bernardo di Mendatica.

Sito di importanza comunitaria   IT 1314610
Superficie 3885 ha
Dislivello Galleria del Garezzo 1.770 m s.l.m.,  Monte Frontè 2.152 m s.l.m. (Dislivello durante il percorso circa 800 metri,  tra andata e ritorno)
Esposizione Sud –Est
Accessibilità Buona. Mezzo fuori strada per poter arrivare alla partenza sita nei pressi della galleria del Garezzo, percorrendo la strada sterrata Provinciale.
Difficoltà  MEDIO-BASSA

Periodo delle fioriture
Da inizio maggio a fine agosto; il periodo in cui è possibile osservare  il maggior numero di specie fiorite è rappresentato dalla seconda metà del mese di giugno.
Pregi paesaggistici
Durante il mese di giugno appare di notevole valore estetico la fioritura degli estesi arbusteti a rododendro.
Specie vegetali pregevoli, rare ed endemiche
Stella alpina (Leontopodium alpinum), Astro delle Alpi (Aster alpinus), Erba unta bianco maculata (Pinguicola leptoceras), Camedrio alpino (Dryas octopetala), Nigritella di Cornelia Rudio (Gymnadenia corneliana), Aglio piemontese (Allium narcissiflorum), Aglio serpentino (Allium victorialis), Genziana di Villars (Gentiana villarsii), Sassifraga meridionale (Saxifraga callosa).
Il fiore simbolo
Stella alpina
Gli habitat più caratteristici
Prateria montana
Arbusteti a rododendro
Pareti rocciose calcaree con vegetazione casmofitica
Curiosità faunistiche
Il periodo degli amori della coturnice è il mese di giugno; anche nelle ore più assolate della giornata si potrebbero sentire cantare i maschi della coturnice che difendono il  territorio con un tipico "Ciok Ciok", l'aquila è solita sorvolare questa zona e molto spesso si possono osservare i camosci: questi emettono un fischio quando vogliono avvisare i conspecifici del nostro passaggio.
L'animale simbolo
La coturnice "Alectoris graeca"
Specie faunistiche simbolo:
Tra i mammiferi si potrebbero osservare il camoscio "Rupicapra rupicapra", il Ccpriolo "Capreolus capreolus", il lupo "Canis lupos", la lepre comune "Lepus europeus" e la lepre variabile "Lepus timidus", le specie ornitiche di pregio sono innumerevoli, come il gallo forcello "Tetrao tetrix" e la coturnice "Alectoris graeca".


Camosci alla Madonna del Frontè (archivio Valentina Borgna)
Camosci alla Madonna del Frontè (archivio Valentina Borgna)
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Ente Parco delle Alpi Liguri