Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale Regionale delle Alpi Liguri

www.parconaturalealpiliguri.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Itinerario Colle Melosa- Monte Pietravecchia

L'aquila dall'alto scivola sui fiori che sanno di miele

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: fauna Elevato interesse: bird watching Elevato interesse: geologia Elevato interesse: panorama Elevato interesse: fotografia 
  • Difficoltà: E - Escursionistico
  • Dislivello: 400 m

La passeggiata parte dal Rifugio Allavena situato ai pressi del Colle della Melosa. Si segue la pista erbosa che tocca Margheria Tenarda e prosegue in salita sulla strada sterrata ex militare verso nord fino al tornante della Fontana Itala dove s'abbandona la strada per un sentiero sulla sinistra e si entra nel bosco di larici alternati a prati di rododendri.
Si percorre il versante nord a causa dell'impervia condizione in cui versa il lato sud del Sentiero degli Alpini.
Numerose le specie endemiche che si trovano lungo il cammino: dai vari tipi di gigli, alle campanule passando per le aquilegie e le diverse specie di orchidee e sassifraghe.
L'animale che si può osservare con maggiore frequenza in tale sito è il camoscio, che insieme all'aquila regna incontrastato su queste montagne.
Il versante nord offre buoni spunti di osservazione come il Vallone dei Camosci e la cima del Monte Pietravecchia, con tappeti di rododendri e passaggi tra gli aghi di larice.
Giunti al Passo della Valletta (1918 m) si può proseguire fino alla Sella d'Agnaria e da lì alla Caserma di Gray per poi a quel punto scendere fino al Colle Melosa passando tra pini e ginepri.

Sito di importanza comunitaria IT 1315421
Superficie 2632 ha
Dislivello Colle Melosa 1545 m s.l.m., Monte Pietravecchia 2038 m s.l.m. (Dislivello durante il percorso circa 1.000 metri, tra andata e ritorno)
Esposizione Sud-Sud- Est
Accessibilità Buona. Si arriva a Colle Melosa con l'autovettura tramite la Strada Provinciale 64
Difficoltà MEDIO-BASSA

Periodo delle fioriture
Da inizio maggio a fine agosto; il periodo in cui è possibile osservare il maggior numero di specie fiorite è rappresentato dal mese di giugno.
Pregi paesaggistici
Durante il mese di giugno appare di notevole valore estetico la fioritura dell'arbusteto a rododendro sotto il lariceto, delle tante specie che crescono sulle rupi calcaree e di quelle ospitate nella prateria montana presso la vetta del Monte Pietravecchia.
Specie vegetali pregevoli, rare ed endemiche
Zafferano della Riviera (Crocus versicolor), Genziana ligure (Gentiana ligustica),  Narciso trombone (Narcissus pseudonarcissus), Orchidea maschio (Orchis mascula), Orchidea sambucina (Orchis sambucina), Calcatreppola spina argentata (Eryngium spinalba), Pulsatilla alpina (Pulsatilla alpina), Sassifraga meridionale (Saxifraga callosa), Primula impolverata (Primula marginata).
Il fiore simbolo
Primula impolverata
Gli habitat più caratteristici
Bosco di larice
Prateria montana
Arbusteti a rododendro
Pareti rocciose calcaree con vegetazione casmofitica
Curiosità faunistiche
L'animale che si può osservare con maggiore frequenza in tale sito è il camoscio, che insieme a l'aquila regna incontrastato su queste montagne. L'aquila nel periodo primaverile crea il grande nido dove cresce  il piccolo. Il nido viene costruito tra le rocce in zone più basse rispetto a quelle dove l'aquila caccia, allo scopo di fare meno fatica nel trasportarvi la preda. Mentre uno dei due genitori caccia, l'altro resta a covare le uova e dopo la nascita  uno dei due, a turno, rimane nel nido per proteggere il piccolo.
L'animale simbolo
Aquila
Specie faunistiche simbolo:
Tra i mammiferi si potrebbero osservare il camoscio "Rupicapra rupicapra", il capriolo "Capreolus capreolus" il lupo "Canis lupos",  la lepre comune "Lepus europeus" e la lepre variabile "Lepus timidus", le specie ornitiche di pregio sono innumerevoli, come il gallo forcello "Tetrao tetrix", la coturnice "Alectoris graeca e l'aquila "Aquila chrysaetos".


Coppia di aquile (archivio Valentina Borgna)
Coppia di aquile (archivio Valentina Borgna)
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Parco delle Alpi Liguri