Logo Parco Naturale Regionale dell'Aveto

Parco Naturale Regionale dell'Aveto



Novità


Il parco aderisce alla giornata del risparmio energetico "M'illumino di meno"

Venerdì 13 febbraio 2009

Il Parco dell'Aveto, attraverso il suo Centro di Educazione Ambientale, diffonde l'invito e per il giorno 13 febbraio, a partire dalle ore 18, si impegna a spegnere tutte le luci.
Inoltre il Parco segue da anni una politica di interventi per riqualificare le proprie strutture anche sotto il profilo energetico: l'ente sta infatti ristrutturando diversi edifici ad uso rifugio con progetti che prevedono tecniche di bioarchitettura e l'utilizzo di energie rinnovabili (solare termico, fotovoltaico e caldaie a biomasse derivanti dalla gestione sostenibile delle foreste del Parco). I rifugi già riqualificati e attualmente operativi, perfetti campi base per spettacolari escursioni, sono: "Monte Aiona" a 1.500m slm (Prato Mollo) e "A. Devoto" a 1.000m slm. A tale politica si affianca quella della sensibilizzazione, perseguita tramite le scuole e con specifiche pubblicazioni.

Info: www.caterpillar.rai.it


Inaugurazione nuovo rifugio del parco

Ventarola
Ingrandisci l'immagine

Venerdì 26 dicembre 2008

Venerdì 26 dicembre, alle ore 15.30 verrà inaugurato il nuovo rifugio escursionistico del Parco a Ventarola, Comune di Rezzoaglio.
Il Rifugio "Ventarola" è ospitato all'interno di un edificio tradizionale, recuperato nel rispetto dell'architettura locale da parte dell'Ente Parco dell'Aveto che ne è proprietario.
L'edificio fa parte dell'antico nucleo di Ventarola, caratteristica frazione di Rezzoaglio, immerso in un contesto ambientale di grande pregio, ai piedi del monte Ramaceto, ed è collegato da numerosi sentieri escursionistici (pedonali, ciclabili e ippoturistici) con le principali località dei dintorni e l'Alta Via dei Monti Liguri.
Il rifugio è raggiungibile con automezzi attraverso agevole strada asfaltata, ed è in grado di ospitare comodamente 12 persone .
Con la realizzazione del Rifugio "Ventarola" il Parco dell'Aveto ha concretamente avviato un nuovo modello di sviluppo turistico sostenibile in ambito montano, che prevede la valorizzazione turistica di un antico borgo in abbandono a partire dal recupero di un manufatto di interesse storico-architettonico che, pur finalizzato a rendere confortevole e adatto al soggiorno dei turisti, ne ha salvaguardato le caratteristiche edilizie tradizionali.
Con tali caratteristiche il Rifugio andrà a costituire un polo di eccellenza per la promozione dell'attività turistica ed escursionistica nel Parco anche allo scopo di contribuire all'avvio del recupero e della rivitalizzazione del borgo.
Ventarola Ventarola interno

Bando di Gara

Avviso di selezione per l'affidamento in gestione del Rifugio "Ventarola" del Parco dell'Aveto (Comune di Rezzoaglio)

Scadenza: 17/12/2008


I Colori dell'Autunno

I Colori dell'Autunno
Ingrandisci l'immagine

30 Ottobre

Sul versante padano ormai il picco dei colori è già stato abbondantemente superato. Oltre i 1000 m s.l.m. gli alberi, ed in particolare i faggi hanno perso quasi totalmente il fogliame (il paesaggio è ormai invernale).
Sul versante tirrenico, peraltro, il "fall foliage" è appena agli inizi ed il colore predominante è ancora il verde.

Mostra presso il Centro Visite di Rezzoaglio: "I Colori dell'Autunno"
orario di apertura: da venerdì a domenica 8.30 - 12.00.
ingresso gratuito


Corso di aggiornamento: educare all'ambiente A.S. 2008/2009

Le Foreste del Parco: Natura, Biodiversità, Risorsa economica

Come di consueto, anche quest'anno il Centro di Educazione Ambientale del Parco dell'Aveto organizza per l'anno scolastico 2008-2009 un corso di aggiornamento per insegnanti e per persone interessate.
Quest'anno i temi approfonditi riguarderanno le foreste dal punto di vista naturalistico, storico, gestionale, ecc. e verranno esposti da professionisti esperti del settore.
Le lezioni si terranno presso la sede del Parco dell'Aveto, a Borzonasca (Via Marré, 75/A) a partire da martedì 11 novembre p.v. dalle ore 17.00 alle ore 18.30.
Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza.
La partecipazione al corso è gratuita.

Per informazioni e prenotazioni telefonare al Centro di Esperienza del Parco dell'Aveto: 0185/343370 - E-mail: ce.aveto@libero.it


Le iniziative del Parco dell'Aveto per... un Natale Ecologico

Natale Ecologico
Ingrandisci l'immagine

"Mettiamo radici insieme" un progetto di IKEA per un Natale ecologico con il Parco dell'Aveto

Anche per il 2008 proseguono le iniziative "ecologiche" promosse dal Parco dell'Aveto: una in collaborazione con i Comuni del Parco, quelli del Tigullio e del Golfo Paradiso e l'altra con i negozi IKEA di tutt'Italia.
Durante le feste natalizie le piazze principali dei nostri paesi e delle nostre città si abbelliranno grazie alla presenza di alberi decorati con addobbi e luci colorate; molto spesso però queste piante arrivano da foreste molto "lontane", con dispendio di risorse e trascurando di valorizzare le bellezze naturali "di casa". Quest'anno, per il secondo anno consecutivo, il Parco dell'Aveto ha deciso di offrire ai Comuni del proprio territorio, a quelli del Golfo del Tigullio e di quello Paradiso alberi "ecologici e certificati". Si tratta di Abeti rossi provenienti da tagli selettivi operati a carico delle conifere di impianto artificiale, non adatte a vivere sulle nostre montagne, per favorire il recupero delle latifoglie naturali nelle foreste del Parco, gestite secondo criteri di sostenibilità ambientale. Insieme all'Albero di Natale verrà consegnato una targa cartello che testimonia come la pianta provenga da una foresta del Parco e che il suo taglio deriva da operazioni di miglioramento e riqualificazione dei boschi dell'area protetta, al cui risultato, con questo semplice gesto, il Comune contribuisce.
Ma, ovviamente, non si abbelliscono solo le piazze pubbliche con Alberi di Natale, ma anche tutte le nostre case… L'altra iniziativa "ecologica" del Parco è quindi rivolta a tutti i cittadini attenti ai temi ambientali. Da diversi anni IKEA promuove il progetto "Mettiamo radici insieme": per ogni albero acquistato e poi restituito al termine delle feste IKEA, oltre ad impegnarsi al riciclaggio ecologico dell'albero di Natale, dona a parchi italiani scelti di anno in anno un piccolo contributo per attuare interventi di miglioramento ambientale. Quest'anno tutti i negozi IKEA d'Italia doneranno al Parco dell'Aveto 3 euro per ogni albero di Natale riportato in negozio, per finanziare attività di riqualificazione e di salvaguardia di aree naturali. In particolare il progetto che verrà finanziato riguarderà la manutenzione dei percorsi escursionistici del Parco, il rifacimento della segnaletica escursionistica, l'adeguamento del percorso di visita al Giardino Botanico del Passo del Bocco per non vedenti e la tutela del Monumento Naturale del Pian d'Oneto.

Per maggiori informazioni sulle iniziative: www.parks.it/parco.aveto - www.ikea.it


Natale Ecologico Natale Ecologico Natale Ecologico

Convenzione tra l'Ente Parco dell'Aveto e la Federazione Italiana Escursionisti (F.I.E.) - Comitato Regionale Ligure - per la manutenzione della segnaletica orizzontale e la collaborazione nel monitoraggio della rete escursionistica del Parco e nella didattica ambientale


Ingrandisci l'immagine


Ingrandisci l'immagine


Ingrandisci l'immagine

E' stata firmata in data 25/09/08 una convenzione quinquennale tra il Parco dell'Aveto e la FIE, per ufficializzare, consolidare e sviluppare il rapporto già instaurato da tempo tra le due istituzioni nella cura dei sentieri del Parco e, in particolare, della segnaletica orizzontale, ovvero quella realizzata in vernice lungo i percorsi.
L'elenco dei sentieri oggetto della convenzione include tutti i tracciati dotati di segnavia FIE presenti all'interno del comprensorio del Parco (Comuni di Borzonasca, Mezzanego, Ne, Rezzoaglio e S. Stefano d'Aveto) che portano verso, o attraversano, l'Area Protetta (esclusi i collegamenti ufficiali all'Alta Via dei Monti Liguri, di competenza dell'Associazione AVML), il Sentiero della Resistenza e i 12 Anelli del Parco.
L'affidamento degli interventi di rifacimento e di manutenzione dei segnavia verrà ripartito nei cinque anni di durata della convenzione, secondo suddivisioni annualmente definite di comune accordo. Negli interventi è compresa anche un'azione di monitoraggio dello stato di percorribilità e di pulizia dei sentieri.
Nell'ambito di un più ampio rapporto di collaborazione, inoltre, sono previste le seguenti azioni:
  • coinvolgimento del Centro di Educazione Ambientale del Parco nelle attività svolte dalla F.I.E. con le scuole
  • collaborazione per l'organizzazione di almeno un evento annuale finalizzato alla promozione e alla valorizzazione delle risorse ambientali e storico-culturali del Parco dell'Aveto
  • verifica della pubblicistica e cartografia prodotte dal Parco nel settore turistico-escursionistico
  • comunicazione al Parco di eventuali lavori affidati alla F.I.E. da soggetti terzi, o di iniziative dirette dell'associazione riguardanti la segnalazione di sentieri nell'ambito del territorio dei Comuni del Parco (incluse tappe e collegamenti dell'Alta Via dei Monti Liguri) e di altre iniziative pubblicistico-editoriali.

Ingrandisci l'immagine Comunicato convenzione FIE (PDF - 102Kb)


Nuovo segnavia per il sentiero Borzonasca - Borzone - Vallepiana

Primo intervento della F.I.E., dopo la firma della convenzione con il Parco dell'Aveto, è stato la segnatura del sentiero Borzonasca - Borzone - Vallepiana, antico itinerario che porta alla scoperta di diversi elementi di interesse: dal centro storico del borgo principale della Valle Sturla sale alla secolare Abbazia di Borzone; attraversa poi i borghi di Bancora Nuova e Case Bancora dove sono visibili alcune teste apotropaiche e altri bei dettagli dell'antica architettura locale in pietra; passa sotto al Volto Megalitico attraversando poi il nucleo di Zolezzi e da qui, addentrandosi nel bosco, sale fino ai ruderi della Chiesa di S. Martino di Licciorno (Sec. XI: prima chiesa parrocchiale di Sopralacroce, di origine romanica ed ampliata in età barocca, di cui rimangono il campanile e i resti delle mura perimetrali) e infine a Vallepiana dove si trova un'altra bella chiesetta, con campanile a vela.
  • segnavia: 2 linee verticali rosse
  • punto di partenza: Borzonasca, a fianco sede Parco (Via Marrè, 75/a)
  • punto di arrivo: Vallepiana, fermata bus di fronte a Ristorante con camere "La Taverna del Nonno"
  • lunghezza: km 8,6
  • tempo di percorrenza: 2h45' circa
  • manutenzione percorso: a cura del Parco dell'Aveto
  • manutenzione segnavia: a cura della F.I.E. (Federazione Italiana Escursionisti)

L'Autunno si mette in mostra

Autunno
Ingrandisci l'immagine

Mostra Autunno
Ingrandisci l'immagine

Mostra Autunno
Ingrandisci l'immagine

Come ogni anno suggeriamo a tutti coloro che amano la natura di fare una passeggiata tra i boschi e le foreste del Parco per ammirare lo splendido spettacolo che la natura ci regala in questi mesi, quando gli alberi si colorano di rosso, giallo e arancione. I più curiosi si potranno fermare al centro visite di Rezzoaglio, dove ad attenderli ci sarà una mostra, aperta al pubblico da sabato 11 ottobre e per tutto l'Autunno, realizzata per svelare tutti i misteri di questa trasformazione.
La mostra, attraverso pannelli illustrativi spiega i come ed i perchè dei colori autunnali delle foglie. Terminata l'estate e con l'accorciarsi delle giornate, gli alberi si preparano ad affrontare l'inverno: un'attività biochimica e cellulare tutta interna alle piante, che però presenta effetti scenografici di grande rilievo, con le chiome che si volgono al giallo oro, all'arancio, al rosso fuoco e al bruno, con mille tonalità diverse, rese ancora più evidenti e suggestive dal contrasto con i verdi permanenti dei pini e degli abeti.
Quando arriva l'inverno, alle nostre latitudini, la poca insolazione non giustifica più il mantenimento della chioma e pertanto la clorofilla (la cui creazione è troppo "costosa") in parte è riassorbita dalla pianta ed in parte si ossida e viene persa.
A questo punto emergono gli altri pigmenti che la clorofilla verde aveva reso invisibile: rossi, gialli, arancioni o bruni, in combinazioni diverse a seconda del tipo di pianta.
Questo spettacolo della natura affascina da sempre poeti, pittori, musicisti, fotografi...di ogni angolo della Terra in cui si manifesta, e che attira l'occhio di tutti, sia di chi può goderselo ogni anno da casa, sia dei turisti, mossi proprio dalla curiosità che ispira il fenomeno. Anche i boschi delle valli del Parco dell'Aveto offrono incredibili immagini d'Autunno, in particolare sul versante padano dove le temperature sono più rigide e la "fabbrica dei colori" riesce a raggiungere parecchie tonalità.
Il picco delle tonalità dura al massimo un paio di settimane: non perdete, pertanto, questo spettacolo meraviglioso che la natura ci riserva una sola volta all'anno!

17 Ottobre 2008

In questi giorni le foglie presentano colori molto vari dal giallo al rosso vermiglio che si alternano alle chiazze verde scuro dei sempreverdi fino i 1000 m s.lm. ca.
Oltrepassata questa quota i colori caldi d'Autunno delle piante caducifoglie si perdono nel bruno uniforme dei faggi: qui è già stato superato il picco dei colori e le foglie giorno dopo giorno seccano velocemente e cadono, ricoprendo il sottobosco di un soffice manto.


La montagna in punta di pedali

La montagna in punta di pedali
Ingrandisci l'immagine

Il Cicloescursionismo come attività del Club Alpino Italiano

1° Convegno e raduno nazionale CAI di cicloescursionismo
18-19 ottobre 2008
Parco Regionale dell'Aveto - Borzonasca (GE)

Il Gruppo Cicloescursionismo, organo consultivo della Commissione Centrale Escursionismo, con la collaborazione della Commissione Interregionale LPV per il Cicloescursionismo in mountain bike e l'Ente Parco dell'Aveto, organizza il primo raduno nazionale CAI di cicloescursionismo.
Il Cicloescursionismo non è attività "nuova": già una ventina di anni fa alcune Sezioni CAI hanno aperto le porte a questa disciplina, cui se ne sono aggiunte nel tempo molte altre in tutta Italia: nel 2008 si contano circa 140 Sezioni che in varia forma propongono escursioni di cicloescursionismo nei loro programmi ufficiali.
Tra le Sezioni dell'area Ligure-Piemontese-Valdostana il fenomeno ha assunto livelli numerici e di consapevolezza tali che, soprattutto dal 2000, si è fatta pressante la richiesta di ufficializzazione e riconoscimento dell'attività in ambito CAI. Gli stimoli e le proposte di un gruppo di lavoro apposito, che ha dato voce alle Sezioni "praticanti" l'attività, hanno portato all'approvazione da parte dei Delegati LPV della costituzione della Commissione interregionale per il cicloescursionismo in mountain bike.
Anche a livello centrale si è presa coscienza della realtà mountain bike ed è stato costituito in seno alla CCE (Commissione Centrale Escursionismo) il Gruppo Cicloescursionismo, con rappresentati di 8 diverse regioni, con il compito di definire ed approfondire gli aspetti principali della tematica, soprattutto in merito all'inserimento della mtb all'interno della storia e della cultura CAI, per una pratica della mtb non invasiva, ambientalmente ecocompatile, rispettosa delle altre frequentazioni.
Il raduno nazionale non è solo un'opportunità di incontro tra le sezioni praticanti, per uno scambio di esperienze; è soprattutto uno strumento per dimostrare ai soci appassionati di mountain bike che il CAI è attento alla disciplina, che di quei soci è in grado di recepirne le istanze e di inserirle all'interno del proprio modo di intendere la montagna. Un'ottima occasione per il CAI per divulgare la propria posizione sull'uso della mtb: una posizione che si differenzia da impostazioni di tipo tecnicistico, esclusivamente agonistiche, non consapevoli delle delicate dinamiche complessive del mondo delle montagne; per dimostrare che il Club Alpino Italiano non ignora l'argomento e non rinuncia alle proprie prerogative e competenze in campo escursionistico, indipendentemente dallo strumento impiegato.
La località prescelta è il Parco Regionale dell'Aveto (provincia di Genova) che, oltre a presentare motivi di interesse dal punto di vista ambientale, offre una serie di vantaggi logistici e una buona rete di percorsi adatti al cicloescursionismo in mtb.
Il programma, articolato su due giorni, prevede nel pomeriggio di sabato un convegno e una tavola rotonda, mentre la domenica è interamente dedicata ad una ciclo-escursione nel Parco, guidata dagli AC/LPV (Accompagnatori di Cicloescursionismo).

Informazioni e adesioni: www.mtbcai.it - E-mail: info@mtbcai.it


Pattuglie a cavallo nel Parco dell'Aveto

L'appuntamento è iniziato sabato scorso quando la prima "pattuglia" di Giacche verdi ha effettuato il suo giro a cavallo nel Parco dell'Aveto.
E' l'inizio di un nuovo progetto dell'Associazione nazionale Giacche verdi, raggruppamento Liguria. Ovvero una trentina di appassionati di cavalli ed escursioni naturalistiche che, volontariamente e senza scopo di lucro, si mettono in divisa e girano per i parchi, cercando di sensibilizzare i visitatori ai corretti comportamenti da seguire e fungendo da deterrente contro chi non rispetta le regole.
Nei mesi di agosto e settembre, le Giacche verdi gireranno lungo i sentieri del Parco dell'Aveto.

Centro Visite del Parco dell'Aveto a Rezzoaglio

Il Centro Visite del Parco a Rezzoaglio, dedicato alle tematiche del bosco, durante i mesi di luglio e agosto sarà aperto anche il fine settimana.
Il nuovo orario estivo permetterà quindi ai numerosi fruitori del Parco oltre a visitare gli allestimenti del Centro, di ricevere informazioni utili sul Parco e sulla sua fitta rete di sentieri. All'interno dei locali si possono osservare alcuni pannelli che descrivono gli ecosistemi tipici delle foreste del Parco e la filiera del bosco che il Parco sta riattivando. Principale attrazione è un tronco di Abete bianco subfossile, di circa 4000 anni, recuperato durante una campagna di scavi archeologici nel vicino sito di Mogge di Ertola ed esposto in una teca. Inoltre è visibile negli spazi antistanti il Centro un'opera artistica dello scultore ed intagliatore Franco Casoni, molto noto anche a livello internazionale, da poco inaugurata: si tratta di un'installazione che rappresenta i boschi del Parco e i prodotti tradizionale delle foreste nostrane, realizzati dalle maestranze del Tigullio secondo una trazione secolare. Il parco ha commissionato allo scultore quest'opera per meglio illustrare ai visitatori il concetto di filiera del bosco.

Centro visite del Parco di Rezzoaglio: Via Roma, 47 - 16048 Rezzoaglio (GE) - Tel. 0185/870171 - Fax 0185/871928

Orario estivo di apertura: Mercoledì, Venerdì e Sabato 08.30 - 12.30; Domenica 8.00 - 12.00


Giardino Botanico "Federico Delpino" - Passo del Bocco (Mezzanego)




Giardino Botanico
Ingrandisci l'immagine

Il Parco dell'Aveto ha inaugurato il nuovo Giardino Botanico, intitolato a Federico Delpino, famoso botanico di Chiavari, in località passo del Bocco.
Il giardino ospita una ricostruzione in piccole aiuole delle diverse coperture boschive che caratterizzano il nostro entroterra. Una visita al giardino vi farà conoscere gli elementi botanici, e non solo, degli habitat tipici dell'Appennino Ligure, ma anche scoprire alcuni aspetti fitogeografici ed ecologici del Parco, evidenziando le relazioni tra le specie e le comunità vegetali e i diversi fattori ambientali. Questa esperienza naturalistica, proposta in maniera semplice e divulgativa e volutamente non "pedante", rappresenta comunque per chi visita il Parco o è ospite del vicino Rifugio del Parco "Antonio Devoto" una piacevole opportunità per una tranquilla passeggiata nel verde.
Il percorso, realizzato con attenzione particolare anche nei confronti di fruitori diversamente abili, è attrezzato con leggii, un'area di sosta e picnic e offre uno spazio pensato quale "aula" didattica all'aperto. I leggii, posizionati in prossimità di ciascun habitat, illustrano in modo schematico ma dettagliato gli ambienti naturali che si trovano nel Parco, evidenziando le presenze della flora e della fauna più tipiche.
Lungo il percorso o all'interno delle aiuole, la presenza di appositi cartellini tassonomici posti a fianco delle piante permette di identificare con facilità le principali specie vegetali.

E' possibile prenotare visite guidate al Giardino Botanico telefonando al Centro di Educazione Ambientale del Parco: 0185/343370.


Alcune immagini dell'inaugurazione:

Inaugurazione Giardino Botanico "Federico Delpino" Inaugurazione Giardino Botanico "Federico Delpino" Inaugurazione Giardino Botanico "Federico Delpino" Inaugurazione Giardino Botanico "Federico Delpino"

Certificazione Ambientale ISO 14001

Certificazione Ambientale ISO 14001 In data 27 gennaio 2006 si è concluso positivamente il progetto di Certificazione Ambientale ISO 14001 dei Comuni di Rezzoaglio, Santo Stefano d'Aveto e del Parco Naturale Regionale dell'Aveto, con l'ambito riconoscimento da parte del RINA, Ente Certificatore di rilievo internazionale, della conformità alla norma ISO 14001 del Sistema di Gestione Ambientale sviluppato dei tre Enti.
La Certificazione Ambientale ISO 14001, marchio di qualità riconosciuto a livello europeo, contraddistingue gli Enti che adottano pratiche e procedure volte a favorire la salvaguardia dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile.
Il successo del progetto è dovuto alla forte volontà degli Enti di qualificare il proprio territorio sotto il profilo ambientale attraverso programmi di miglioramento per valorizzare le risorse naturali e tutelare il territorio.
E' volontà degli Enti che il Sistema diventi strumento di governo per la programmazione continua e condivisa di azioni di miglioramento ambientale e un efficace mezzo di sensibilizzazione e coinvolgimento dei soggetti pubblici e privati operanti nel comprensorio.

Regolamento del parco per la tutela e valorizzazione delle foreste regionali

Amanita Vaginata Amanita Porcini Boletus edulis