Vai alla home di Parks.it

Parco Delta del Po OPEN DAY

Visite guidate gratuite alle Dune di Massenzatica e alla Foce del Bevano

(Parco Delta Po Emilia-Romagna, 13 Mag 19) Per celebrare la Giornata Mondiale della Biodiversità che si terrà mercoledì 22 maggio 2019, l'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità – Delta del Po, nell'ambito del Progetto Interreg Central Europe CEETO nel quale è coinvolto tramite il Servizio Aree Protette, Foreste e Sviluppo della Montagna della Regione Emilia-Romagna, organizzerà quattro visite guidate in due luoghi del Parco, rispettivamente una la mattina e una il pomeriggio in entrambi. Tutte le visite sono gratuite ma sarà obbligatorio prenotarsi.

I luoghi scelti sono molto interessanti da un punto di vista naturalistico e rappresentano delle vere e proprie eccellenze del territorio perché in grado di raccontarne la storia e lo sviluppo nel corso dei secoli. Tuttavia, sono anche angoli non molto conosciuti:

  • Dune di Massenzatica, nel Comune di Mesola (FE)
  • Foce del torrente Bevano, nel Comune di Ravenna (RA)

Le visite guidate alle Dune di Massenzatica si terranno alle ore 10.30 alle ore 12.00 e dalle 15.30 alle 17.00.

Le visite guidate alla Foce del Bevano si terranno alle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle 16.00 alle 18.00.

Le Dune Fossili di Massenzatica sono antichi cordoni dunosi litoranei databili all'incirca al IX secolo a.C., che ora si trovano nell'entroterra per via dell'avanzamento verso est della linea costiera, causato dal graduale accumulo di depositi alluvionali. Questo antico litorale corrisponde alla linea di costa pre-etrusca che, da Ravenna, passava per le attuali località Argine Agosta, Marozzo, Ponte Maodino, S. Basilio proseguendo verso nord sino a Chioggia. A Massenzatica e S. Basilio le dune erano particolarmente elevate (massimo 7 m s.l.m.) e quindi sono ancora oggi ben visibili.

La foce del Bevano è un'importante area di circa 40 ettari, che testimonia come doveva apparire l'intera fascia costiera regionale prima degli importanti interventi realizzati dall'uomo. L'area rientra nel Parco regionale del Delta del Po e vi si possono trovare eccellenze naturalistiche come la valle dell'Ortazzo, un'ampia palude d'acqua dolce costantemente sommersa dalle acque dei fiumi Bevano e Fosso Ghiaia, e la zona umida dell'Ortazzino, un'area salmastra contigua alla spiaggia che alterna stagni retrodunali, canneti, dune con vegetazione mediterranea e pinete costiere.

Con queste visite guidate si vuole favorire la conoscenza del territorio e dei suoi tesori:

  • ai residenti che spesso sono i primi a non conoscerli o sottovalutarli così da aumentarne la consapevolezza;
  • agli operatori turistici che sono i primi ad entrare in contatto con il turista che arriva sul territorio e a volte si trovano a non saper dare tutte le informazioni per garantirne un'esperienza di visita completa.

Il Progetto Interreg Central Europe CEETO ha come obiettivo studiare e gestire i flussi turistici all'interno delle Aree Protette andando a ridurre le pressioni esercitate dal flusso di turisti su queste zone, studiando e individuando strumenti e azioni innovate.

Nello specifico, il progetto pilota affidato all'Ente Parco ha come obiettivo ridurre le pressioni che i flussi turistici provocano in alcun aree del Parco (soprattutto nei periodi di punta), sperimentando soluzioni condivise per ridistribuire tali flussi turistici, su tutto il periodo dell'anno e aree limitrofe, altrettanto attraenti in termini di turismo naturalistico.

Per poter partecipare alle visite guidate è obbligatorio prenotarsi scrivendo a info@biosferadeltapo.org o chiamando il 393.8297518 dalle 09.30 alle 17.30.

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po