Vai alla home di Parks.it

Il Parco Delta del Po come riserva dell'Uomo e della Biosfera (MAB), Programma UNESCO quali opportunità per uno sviluppo sostenibile?

1 aprile, ore 14.30 a Ca' Vendramin - Taglio di Po (RO)

(Ariano Polesine, 24 Mar 11) Ciclo di incontri organizzati dall'Ente Parco Delta del Po veneto, in collaborazione con l'Università IUAV di Venezia, nell'ambito del progetto NatReg (SEE Programme)

L'obiettivo del primo workshop consiste nell'avviare, insieme agli stakeholder locali ed ai diversi livelli di governo interessati, un dibattito finalizzato al riconoscimento internazionale del Delta del Po quale riserva della biosfera, in accordo con quanto previsto dalle procedure definite dal programma MAB (Man and Biosphere) dell'UNESCO.
Le riserve della biosfera sono aree di ecosistemi terrestri, costieri e marini, le cui risorse naturali vengono gestite in modo tale da conservare la biodiversità, a beneficio delle comunità locali. Sono quindi comprese attività di ricerca, controllo, educazione e formazione che, oltre a concretizzare gli obiettivi dell'Agenda 21, favoriscono il rispetto della Convenzione sulla Diversità Biologica ed altri gli accordi internazionali.
Questo workshop, in particolare, offre l'occasione per contribuire alla definizione del Piano di Gestione dell'area pilota e delle azioni pilota (follow up) previste all'interno del progetto NatReg.

Programma

Ore 14.20: Registrazione dei partecipanti

Francesco Musco

Università IUAV di Venezia (Facoltà di Pianificazione del Territorio)
Moderatore del workshop

Geremia Gennari
Presidente dell'Ente Parco Regionale Veneto Delta del Po
Saluto di apertura

Mauro Giovanni Viti
Regione del Veneto (Dirigente Unità di Progetto Foreste e Parchi)
Politiche di gestione dei Parchi in Veneto

Tiziana Quaglia
Regione del Veneto (Direzione Pianificazione Territoriale e Strategica)
Introduzione al progetto NatReg - PDF presentazione (PDF - 466Kb)

Renato Grimaldi*
Direttore Generale del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Quale percorso intraprendere per la candidatura al programma UNESCO?
(*invitato)

Philippe Pypaert
Unesco Venice Office
Riserva della biosfera: tutelare l'ambiente, promuovere lo sviluppo e l'educazione alla sostenibilità

Luigi Duse
Vicepresidente del Parco Lombardo del Ticino
L'esperienza della gestione interregionale della valle del Ticino - PDF presentazione (PDF - 400Kb)

Roberto Odorico
Riserva Naturale Marina di Miramare
Le direttive MAB nella gestione dell'Area Marina Protetta di Miramare

Stefano Dall'Aglio
Direttore di Econstat s.r.l., Strategie per l'Industria Turistica, Bologna
La nuova destinazione Delta del Po e le potenzialità in chiave turistica

Paolo Rigoni
Studio Silva s.r.l., Consulenza e Progettazione Ambientale, Bologna
Indirizzi per il Piano di Gestione dell'area pilota nell'ambito del progetto NatReg - PDF presentazione (PDF - 216Kb)

Emanuela Finesso
Direttrice dell'Ente Parco Regionale Veneto Delta del Po

Lucilla Previati
Direttrice dell'Ente Parco Regionale Delta del Po dell'Emilia-Romagna
Nuove opportunità di relazione tra i due parchi regionali in un contesto di sito MAB - PDF presentazione (PDF - 3,2Mb)

Tavola rotonda
Momento di confronto con i partecipanti

Chiusura dei lavori


Seguirà un aperitivo offerto dall'Ente Parco Regionale Veneto Delta del Po, al quale sono invitati i partecipanti al workshop.

Il Progetto NatReg in sintesi
Sviluppato nel quadro del Programma di Cooperazione Transnazionale del Sud-Est Europa, il progetto NatReg (Managing NATural Assets and Protected Areas as Sustainable REGional Development Opportunities) ha lo scopo di promuovere le potenzialità delle risorse naturali e delle aree protette, in quanto opportunità per lo sviluppo regionale sostenibile.
Mediante un lavoro comune dei diversi soggetti coinvolti nei Piani di Gestione integrata per le aree protette e sul rapporto tra siti Natura 2000, s'intende giungere ad una Strategia condivisa per lo sviluppo integrato tra le attività economiche ed il patrimonio ambientale delle aree protette. Il progetto è infatti incentrato sulla interconnettività delle aree protette nel Sud-Est Europa, sulla realizzazione di una rete ecologica europea e sul trasferimento di conoscenze tra Stati Membri, necessario per l'attuazione della legislazione comunitaria.
L'Italia partecipa al progetto con la Regione Veneto e l'Agenzia Regionale per la Prevenzione e l'Ambiente (ARPA) dell'Emilia-Romagna e l'attivo coinvolgimento dell'Ente Parco Regionale Veneto del Delta del Po e dell'Ente Parco Regionale del Delta del Po dell'Emilia-Romagna. L'area pilota scelta è situata ai due lati del corso del Po di Goro, che segna il confine amministrativo delle due Regioni, dove molteplici sono le istanze per forme di sviluppo in accordo con la sostenibilità ambientale di un'area protetta tra le più importanti a livello europeo.

Info: Università IUAV di Venezia (Facoltà di Pianificazione del Territorio) c. +39 340 9131840 f. +39 041 2572424 - gianluca.ponte@iuav.it

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Regionale Veneto del Delta del Po