Vai alla home di Parks.it

Dai Taburri di Fellicarolo al Libro Aperto per il Pizzo dei Sassi Bianchi; ritorno per il Pizzo delle Stecche

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: fauna Elevato interesse: panorama 
  • Tempo di percorrenza: 4 ore e 45 minuti
  • Dislivello: da 1.230 a 1.936 metri

Percorso estremamente interessante sotto molteplici aspetti: le suggestive cascate, fra cui quelle del Doccione e quella del Fosso di Serralta, i paesaggi modellati dall'azione glaciale, le vaste brughiere a mirtillo, che in autunno si colorano di rosso acceso, le praterie d'alta quota dove è frequente udire i fischi d'allarme delle marmotte, i giganteschi faggi, spesso contorti in forme bizzarre dai fulmini e dall'inclemenza degli elementi. Si inizia il cammino dall'area attrezzata dei Taburri (1.230 metri), si prosegue a destra lungo i sentieri CAI 433 e 445. Poco dopo aver guadato il torrente Doccione, con l'ausilio di una passerella in legno, si svolta a sinistra (sentiero 433), iniziando la ripida salita nella faggeta, giungendo a costeggiare la tondeggiante sommità del Monte Seruca da dove ha inizio la parte panoramica del percorso.

Altre informazioni



Libri e guide
 
 
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Centrale