Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand

www.parchialpicozie.it
 

I carnevali delle nostre valli

per chi ha voglia di ascoltare, per chi ha il piacere di raccontare

(Salbertrand, 25 Gen 13) Nell'ambito della rassegna: "Chantar l'Uvern: da Natale a Sant'Orso frammenti di cultura occitana e francoprovenzale", edizione 2012/2013 – sostenuta con il contributo della Provincia di Torino - è in programma sabato 02 febbraio a PRAGELATO, alle ore 21.00, presso CASA ESCARTONS "A. BERTON" (Via Nazionale angolo Via S. Giovanni - Frazione Rivet) la serata culturale a tema.

Si tratta di una serata di approfondimento tematico dedicata alla tradizione invernale del Carnevale per coglierne significati, riti e personaggi perché la complessità e l'interesse che suscita il Carnevale  risiedono nel fatto che  "I Carnevali sono tutti uguali perché tutti diversi".

Un appuntamento per ascoltare e cogliere ma anche per raccontare e gustare i sapori del Carnevale.

La serata trascorrerà attraverso alcuni interventi puntuali di approfondimento ma vuole suscitare anche il racconto del pubblico:

- Salbertrand : 'l carnavà du Guéini a cura di Lia Zola , antropologa e ricercatrice che ha curato il cahier n.6 dell'Ecomuseo Colombano Romean (pubblicato nel 2009) restituendo alla Comunità di Salbertrand la consapevolezza di un bagaglio che ha origini lontane.  La nomea di Guéini, di cui godono i salbertrandesi, deriva dal verbo patuà ařguéinā ossia agitarsi, e viene messo in relazione con il sostantivo ařguéini che caratterizza la frenesia che coglie gli animali, mucche e muli, a inverno concluso, quando escono dalle stalle. In tal senso Guéini indica la propensione "a far festa come si deve".

- "Il Carnevale di Champlas" a cura di Elisa Poncet, appassionata di tradizioni locali.

Rappresentato sino al 1947, il carnevale di Champlas du Col è stato ripreso e riproposto grazie ad un intenso lavoro di un gruppo di persone nel 2006. Il Carnevale, i vecchi, la coppia, il giudice, due carabinieri sono solo alcuni dei protagonisti di questa antica tradizione carnevalesca che, dopo un percorso carico di simbolismo, giungono nel luogo dove si tiene il Processo al Carnevale. L'imputato si salverà dalla condanna? Attraverso la preziosa testimonianza di Elisa Poncet si potrà così conoscere l'intricata vicenda con il suo finale.

- "Il Bal da Sabre di Fenestrelle" a cura di Bruno Usseglio, guardiaparco del Parco naturale della Val Troncea nonché componente del gruppo folkloristico e culturale della danza delle spade di Fenestrelle. Le figure che gli spadonari eseguono, accompagnati dal ritmo incessante dei tamburi e da un imprevedibile ed ironico Arlecchino, richiamano ancestrali legami con la natura ed il ciclo delle stagioni. Antico rito, un tempo celebrato nel periodo del carnevale, oggi viene rappresentato principalmente durante la festa patronale del 25 agosto. 

- Parola al pubblico per la raccolta di testimonianze e racconti delle valli Germanasca, Chisone, Dora.

La serata è promossa e ospitata dall'Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie nell'accogliente ed elegante Casa Escartons "A. Berton":  centro di cultura e luogo ideale di accoglienza e di incontro; ospita la biblioteca scientifica del Parco naturale della Val Troncea e l'archivio storico "Remigio Bermond". Casa Escartons è visitabile tutti i giovedì e sabato dalle 14.00 alle 17.00 oppure, su prenotazione, rivolgendosi alla sede del Parco naturale della Val Troncea tel. 0122/78849.

La serata non può fare a meno della preziosa collaborazione dell'Associazione culturale La Valaddo e della Fondazione Guiot Bourg che si ringraziano.

Per il settimo anno consecutivo la rassegna di eventi "Chantar l'Uvern: da Natale a Sant'Orso frammenti di cultura occitana e francoprovenzale", si propone di sostenere e valorizzare eventi tradizionali locali come i carnevali storici e le feste patronali d'inverno, ma anche di far conoscere i differenti aspetti della cultura dei territori  delle minoranze linguistiche attraverso musiche, spettacoli teatrali, mostre, concerti, presentazioni di libri e serate tematiche. La rassegna, che continua fino al 23 febbraio 2013, vede quest'anno coinvolti ben 17 Comuni: Bardonecchia, Chiomonte, Condove, Exilles, Giaglione, Gravere, Mompantero, Novalesa, Oulx, Pragelato, Salbertrand, San Giorio di Susa, Sauze di Cesana, Sauze d'Oulx, Usseaux, Vaie e Villarfocchiardo.

Il programma della rassegna è disponibile on-line ai seguenti indirizzi:

http://www.provincia.torino.gov.it/speciali/2012/chantar_uvern/

http://www.parks.it/parco.gran.bosco.salbertrand/man.php,

I carnevali delle nostre valli
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2023 - Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie