Vai alla home di Parks.it

Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand

www.parchialpicozie.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Cahier Ecomuseo n. 06. 'L carnavà du guéini- Il carnevale trazionale di Salbertrand

Cahier Ecomuseo n. 06. 'L carnavà du guéini- Il carnevale trazionale di Salbertrand
Cahier Ecomuseo n. 06. 'L carnavà du guéini- Il carnevale trazionale di Salbertrand

La storia del carnevale di Salbertrand tra tradizione e modernità (con DVD allegato)

Gli abitanti di Salbertrand godono della nomea di guéini, un termine che è stato messo in relazione, da Clelia Baccon (storica locale), con il verbo in patuà a_guéina, agitarsi, e con il sostantivo a_gueini, che caratterizza la frenesia che coglie gli animali, e in particolare i muli, quando, a inverno concluso, escono dalle stalle. In senso lato guéini sta ad indicare la propensione, da parte dei salbertrandesi, a "far festa come si deve". In questo senso il carnevale di Salbertrand tiene perfettamente fede al soprannome che portano i suoi abitanti…"
Partendo da un'approfondita analisi dei Carnevali alpini nel contesto europeo ed italiano, l'autrice, antropologa dell'Università di Bergamo, descrive, grazie al contributo di numerosi informatori, il Carnevale di Salbertrand dal primo dopoguerra ad oggi: il "Carnevale di ieri" , di cui nel 2006 è stata realizzata la Riproposta a cura del Laboratorio Permanente di Ricerca Teatrale di Salbertrand ed "il Carnavale di oggi" che rivive ogni anno grazie all'entusiasmo di giovani e meno giovani.
Il supporto multimediale allegato, realizzato dall'Associazione Musicaviva, raccoglie testimonianze e filmati relativi alle ultime edizioni del Carnavà du guéini datate 2006 e 2007.
  • Collana: I Quaderni dell'Ecomuseo Colombano Romean - N° 6
  • Autore: Lia Zola
  • Editore: Ecomuseo Colombano Romean
  • Pagine: 64
  • Formato: 16x23,5 cm
  • Anno: 2008
  • Prezzo: 8,00 €  

Acquista on-line all'Emporio dei Parchi

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie