Vai alla home di Parks.it

Riprende il taglio di canneti e nuove misure per i prati aridi: un incontro per gestire i fondi comunitari

Mercoledì 30 nella sede del Parco

(Mantova, 25 Mar 16) Quest'anno, dopo un fermo di alcuni anni, i proprietari di terreni protetti nella riserva naturale delle Valli del Mincio potranno ri-ottenere contributi comunitari dedicati al taglio di canneti e cariceti. Sono infatti finalmente state reintrodotte le misure dedicate alla salvaguardia di questi habitat, anche grazie alle pressanti richieste dell'ente Parco che sono finalmente state ascoltate. L'abbandono della gestione di questi habitat da parte dei proprietari, è stata infatti una delle cause di impoverimento della vegetazione autoctona della Riserva Naturale delle Valli del Mincio e il Parco, per contrastare questi negativi effetti sulla qualità degli habitat, aveva già dal 2011 richiesto che la regione mettesse in atto azioni specifiche. Ora i bandi son stati pubblicati e le aziende agricole proprietarie possono accedere alle domande di contributi. Il Parco, a sua volta, dovrà stendere il piano annuale degli interventi e per farlo chiama a i potenziali destinatari dei fondi a condividere con loro le modalità attuative di questo piano. Gli agricoltori – che devono fare domanda in Regione a partire dal 31 marzo – dovranno consegnare copia degli incartamenti anche al Parco in modo che l'ente possa stendere il piano come prevedono le normative.

L'incontro promosso dal parco si svolge quindi il 30 marzo alle ore 10 nella sede dell'ente in piazza Porta Giulia 10 a Mantova con l'obiettivo di far conoscere ai potenziali beneficiari le opportunità offerte dai finanziamenti comunitari per la gestione degli habitat di pregio naturalistico quali canneti, cariceti, molineti. Oltre a queste formazioni vegetali per la prima volta le misure sono anche rivolte ai prati aridi, presenti nel nostro territorio sulle Colin Moreniche.

Con la realizzazione del piano, che includerà gli interventi richiesti dai proprietari agricoli e li collocherà in una scansione temporale del "piano annuale" che si potrà svolgere adeguandosi alla tempistica dettata dal tipo di habitat coinvolto, si riattiverà la gestione attiva della vegetazione caratteristica delle  Valli del Mincio e dell'arco collinare.

Le misure riguardano anche i prati stabili, presenti sulle Colline Moreniche
Estensioni di canna palustre e carice nella Riserva Naturale Valli del Mincio
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2016 - Ente Parco del Mincio