Vai alla home di Parks.it

L’area dei prati stabili della Valle del Mincio: una possibile destinazione turistica

Il Parco, con i Comuni di Marmirolo, Goito, Porto Mantovano, Roverbella e Volta Mantovana, candida un progetto di marketing territoriale

(Mantova, 14 Ott 19) Un progetto che, se finanziato, avvierebbe il processo di valorizzazione dell'area dei "Prati Stabili", colture tipiche naturali della pianura mantovana, quale nuova proposta turistica, alla scoperta di percorsi di rigenerazione nel rapporto tra uomo e natura, benessere e produzioni locali. E' l'obiettivo sul quale scommette il Parco del Mincio assieme ai Comuni di Marmirolo, Porto Mantovano, Roverbella, Goito e Volta Mantovana, sui cui territori sono presenti i prati stabili, habitat protetto, dal quale si ricava il foraggio alle vacche da latte che caratterizza il Grana padano della zona.

La "scommessa" è un progetto di marketing territoriale candidato nei giorni scorsi dal Parco come capofila e dai comuni partner a un bando di destination marketing "Viaggio #inLombardia", pubblicato dalla Regione e destinato a co-finanziare attività di definizione di prodotti turistici con la finalità di generare nuovi flussi turistici nel territorio regionale.

Il parternariato attivato punta perciò su un tema suggestivo e attraente: la qualità del tempo da trascorrere in questi territori tra terra e acqua, caratterizzati da eccellenze ambientali e da elementi simbolici: la cicogna bianca, le tradizioni, l'enogastronomia per citarne alcuni. E' nato così il progetto, il cui nome è "NATURALMENTE STABILI, PER NATURA DINAMICI", in una logica territoriale di sistema che punta ad attrarre le persone interessate a vivere esperienze di turismo sostenibile. Tra le azioni, si prevede - come richiesto dal bando - di realizzare un brand dedicato e attività rivolte al lancio della destinazione: creazione di itinerari tematici esperienziali con visite alle latterie o aziende agricole e degustazioni, educational, press tour, laboratori, presenza a eventi fieristici ecc. Si tratta di attività improntate a far vivere esperienze di qualità nella scoperta di un territorio che può "coltivare" nuove e emozionanti rotte turistiche.

L'investimento è di 99mila euro dei quali il 70% richiesto a Regione Lombardia.

Un prato stabile nei pressi di Goito
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco del Mincio