Vai alla home di Parks.it

Erbe in tavola

Erbe in tavola
Erbe in tavola

Piante spontanee commestibili della pianura padana - Note botaniche e di cucina

Oltre alla rilevanza botanica e ambientale, morfologica e storica, "Erbe in tavola" favorisce il facile riconoscimento di ogni pianta anche per i profani e l'appendice di cucina permette agevolmente di passare dalla botanica al gusto. Dall'Acetosa alla comune Ortica, dal Crescione alla Menta Acquatica , e poi ancora Raperonzolo, Valeriana, Senape nera, Crescione, Vitalba: sono 50 le piante descritte e fotografate (ma oltre duecento le diverse varietà citate) che crescono nei prati, sui rivali, sugli specchi d'acqua e che con la loro presenza raccontano un paesaggio, quello dell'area della pianura padana, nella quale sono collocati i parchi del Mincio e dell'Oglio. Dalla presentazione: "Il mondo delle piante ha ispirato simboli, leggende, proverbi, poesie ed usanze dando vita ad un universo parallelo ma allo stesso tempo è stato soggetto di una realtà pregnante fatta di cibi e farmaci. Questo mondo viene descritto, quindi, in molti modi. Ripercorrere da tale punto di vista i fiori, le piante, gli alberi così come gli ortaggi o i legumi siano coltivati siano spontanei, può servire a rivisitare la nostra storia, il retroterra della nostra cultura che spazia dall'ingenuo proverbio campagnolo all'alta poesia, all'uso magico, dalla funzione alimentare delle erbe a quella medicinale. Il Parco del Mincio e quello dell'Oglio Sud, con il contributo della Provincia di Cremona e del Consorzio Agrituristico Verdi Terre d'Acqua hanno deciso di dare alle stampe questa pubblicazione che, col "pretesto" di ricordare antiche ricette, ci riporta la conoscenza di piante desuete, oggi marginali e spesso trascurate, indica l'uso antico facendole riaffiorare dal profondo della cultura della nostra pianura ed avvertendo anche che alcune di queste, una volta abbondanti, oggi sono rare e protette da leggi regionali. Proteggere la natura e restituire dignità e valore alle aree degradate, diffondere la conoscenza degli ambienti e degli ecosistemi, dei vegetali e degli animali che ancora esistono è compito istituzionale e prioritario dei Parchi che debbono seguire ogni via per raggiungere lo scopo. Anche la pubblicazione di un libro di vecchie "ricette", quando presentate con maestria e rigore scientifico, serve come grimaldello per arricchire la conoscenza naturalistica".
  • Autore: Giorgio Persico - Gianna Carra
  • Editore: Tre Lune edizioni

Note: Pubblicazione esaurita



share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Parco del Mincio