Vai alla home di Parks.it

Giornata FAI d'autunno: “Riomaggiore e Manarola , tutto ciò che non è stato ancora scoperto”

Al Castello di Riomaggiore presentato in conferenza stampa l'evento alla presenza delle istituzioni e delle associazioni coinvolte nell'evento del 15 ottobre.

(Riomaggiore, 12 Ott 17)

GIORNATA FAI D'AUTUNNO
PARTECIPA E SCOPRI CENTINAIA DI LUOGHI IN TUTTA ITALIA
CON VISITE A TEMA

Domenica 15 ottobre 2017: 170 itinerari tematici in tutta Italiaa cura dei Gruppi FAI Giovani

Soffermare l'attenzione sulla piazza che attraversiamo per andare al lavoro o conoscere come vivevano i proprietari dell'elegante villa che scorgiamo dal balcone di casa. Sono modi diversi di scoprire la nostra città da punti di vista nuovi e il FAI – Fondo Ambiente Italiano ci invita a rinnovare il nostro sguardo sull'Italia partecipando, domenica 15 ottobre 2017, alla Giornata FAI d'Autunno, realizzata dai Gruppi FAI Giovani a sostegno della campagna di raccolta fondi "Ricordiamoci di salvare l'Italia", attiva dal 1° al 31 ottobre.Per l'occasione 3.500 volontari accompagneranno gli italiani alla scoperta di 600 luoghi inaccessibili o poco valorizzati, legati da una tematica comune - la musica,le tradizioni artigiane, il panorama urbano dall'alto… – e raccontati dallo spirito entusiasta dei giovani.

170 itinerari tematici in altrettante città legheranno, come un fil rouge da seguire liberamente, l'apertura di palazzi, chiese, botteghe artigiane, archivi, architetture industriali in trasformazione, ma anche interi quartieri e borghi

La Delegazione della Spezia propone l'itinerario "Riomaggiore e Manarola , tutto ciò che non è stato ancora scoperto"

Un itinerario volto a "riscoprire" alcuni gioielli della più famosa tra le chicche del nostro territorio, la zona delle " Cinque Terre", immergendoci in esse come persone "del posto". Apprezzandone la storia, con la visita alla Batteria Racchia, l'ambiente e il territorio, grazie all'incontro con i volontari della Fondazione Manarola ed infine la comunità ed il suo patrimonio artistico, passeggiando per il borgo di Riomaggiore tra opere architettoniche e tradizioni.

Il percorso prevede il susseguirsi di tre itinerari:

1)    RIOMAGGIORE TRA ARTE E STORIA

Una passeggiata tra la storia e l'arte del Borgo di Riomaggiore.
Partendo dalla Marina si incontrano i "trogi", lavatoi pubblici usati per lavare i panni quando ancora nelle case mancava l'acqua corrente ed il nucleo più antico del paese era costituito dalle case torri. Ai lati del vecchio scalo si trovano le antiche fortificazioni erette a protezione del borgo dagli attacchi dei pirati: il bastione di San Giacomo e il bastione di Traacà. Risalendo si incontrano la chiesa di Sant'Antonio Abate, la più piccola e antica del paese e il castello del XIII secolo, il quale, una volta persa la sua funzione di difesa, venne usato a lungo come camposanto. Accanto sorge l'oratorio di San Rocco, edificato ,secondo la tradizione, nel 1576 come ringraziamento per la fine della terribile pestilenza, che aveva ucciso quasi metà della popolazione del borgo. Da visitare anche la Chiesa di San Giovanni Battista, esempio di architettura romanica, i cui fregi protoromanici hanno origine misteriosa essendo più antichi dell'edificio stesso. . Infine ricercheremo insieme le vie e gli scorci dipinti dal pittore fiorentino Telemaco Signorini, della corrente pittorica dei Macchiaioli, che scelse Riomaggiore per trascorrere le sue estati.

2)    IL PAESAGGIO TERRAZZATO DELLE CINQUE TERRE : UNA STORIA SECOLARE

Comprendere la delicatezza dell' equilibrio uomo-natura, che alle 5 Terre trova una delle sue più alte espressioni e passeggiare sui sentieri a picco sul mare, dove con un solo sguardo si può cogliere l'unicità di questo paesaggio costruito dall'uomo nei secoli, talmente particolare da essere stato inserito nella lista dei Patrimoni dell'Umanità UNESCO.
Il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre ha una storia secolare, qui le comunità locali hanno profondamente modificato gli assetti naturali dei suoli, trasformati dal sistema dei terrazzamenti che nel periodo di massima estensione si sviluppava per più di mille ettari. L'abbandono delle pratiche agricole, avvenuto soprattutto negli ultimi cinquanta anni a causa del progressivo spopolamento dei Comuni dell'area e delle mutate condizioni economiche, ha fatto sì che la natura tendesse a recuperare i propri equilibri, ricolonizzando le fasce occupate dalle coltivazioni ed aumentando il rischio di dissesto idrogeologico. Al fine di mitigare questo rischio, la comunità di Manarola ha sentito l'esigenza di costituire una "FONDAZIONE" il cui scopo è il recupero dei terrazzamenti della vallata denominata "Anfiteatro dei Giganti", salvaguardando in tal modo anche un luogo di straordinaria bellezza.
Grazie alla collaborazione con la Fondazione Manarola, avremo l'occasione di conoscere il lavoro di chi si adopera ogni giorno per salvaguardare i terreni terrazzati e recuperare i muretti a secco dell' "Anfiteatro dei Giganti", la stessa Valle che ospita ogni Natale la magia del Presepe Luminoso di Manarola.
Per chi volesse, ci sarà anche l'opportunità di percorrere, sapientemente accompagnati, i sentieri tra le vigne a picco sul mare.

3)    TORRE GUARDIOLA TRA PAESAGGIO, NATURA E STORIA

Punto di particolare pregio naturalistico e paesaggistico ha ospitato, fino al 2010, il Centro di Educazione Ambientale del Parco Nazionale delle Cinque Terre, moderna struttura di accoglienza e valorizzazione del territorio dove era presente anche un percorso botanico e un'area per il birdwatching.  Il sito prende il nome da un vecchio fortilizio chiamato Torre Guardiola, adibito alla sorveglianza delle coste per prevenire eventuali attacchi da parte dei saraceni. Nello stesso luogo, sulla punta di Montenero, sorge oggi "La Batteria Antinave Carlo Alberto Racchia" parte delle fortificazioni "moderne" allestite nel periodo successivo alla prima guerra mondiale per la difesa della Piazzaforte Marittima della Spezia. Costruita, secondo le date riportate nei disegni, dal 1933 al 1936, fu operativa per tutta la durata del conflitto, gestita prima dalla Regia Marina, poi dalla Milmart, per finire dopo l'8 settembre 1943, sotto la gestione di truppe della RSI e tedesche.

Il percorso dei tre punti verrà fatto in pullmino

Dalle ore 10.30 alle17,30 con orario continuato:

Manarola: Il paesaggio terrazzato delle Cinque Terre, una storia secolare
Torre Guardiola: Tra paesaggio, natura e storia
Riomaggiore: Tra arte e storia


Partenze: 10.30 e 11.30 – su prenotazione 3425779553

Manarola: i terrazzamenti della Fondazione Manarola
Escursione accompagnati da guide CAI
Percorso EE, durata 1h
Min 10 – max30 partecipanti a gruppo


Inizio: 11.30 e 14.00 e 16.00 – su prenotazione 3425779553

Schiacchetrà Terra di Bargon: visita guidata in cantina
Durata 40min circa
Min 6 – max 15 partecipanti a gruppo

Contributo a partire da € 3, a sostegno dell'attività della Fondazione

In questa manifestazione trovaspazio l'attività di un progetto didattico di forte valore culturale, rivolto ai  ragazzi in età scolare per promuovere in loro il senso del bello e la conoscenza di uno dei territori più interessanti della nostra Provincia.
Saràaffidato a loro il compito di studiare le notizie storiche e riferirle ai partecipanti, e fare la presenza ai banchetti delle tappe per la distribuzione del materiale .
Un modo simpatico per stare insieme, apprendere e divertirsi e capire più da vicino cosa fa il FAI


Per gli iscritti FAI e per chi si iscriverà per la prima volta durante l'evento – a questi ultimi sarà dedicata eccezionalmente la quota agevolata di 29 euro anziché 39 - saranno riservate aperture straordinarie, accessi prioritari, attività ed eventi speciali in molte città. La quota agevolata varrà anche per chi si iscriverà per la prima volta tramite il sito www.fondoambiente.it durante tutto il mese di ottobre.

La giornata d'Autunno della Delegazione della Spezia ha il patrocinio del Comune di Riomaggiore * e del Parco Nazionale delle 5 Terre

 
Grazie alla collaborazione della Fondazione Manarola, dell'Associazione Dalla parte dei Forti, del CAI
dell'Azienda agricola Terra di Bargon,
Un ringraziamento particolare va alle scuole: Media Fontana , Liceo Scientifico Pacinotti, Liceo Artistico Cardarelli, Istituto Capellini,Liceo Parentucelli, Istituto Arzelà, ai Presidi, agli Insegnanti e soprattutto agli studenti e a tutti i Volontari

A livello nazionale l'edizione 2017 di Giornata FAI d'Autunno è possibile grazie al contributo di CityLife, per il secondo anno sponsor dell'iniziativa per la regione Lombardia, di Gruppo Hera, una delle principali multiutility italiane che eroga servizi ambientali, idrici ed energetici in oltre 350 Comuni del centro-nord Italia che sarà al fianco della Fondazione in qualità di sponsor per la città di Bologna e di DHL Express Italy, che come logistic partner, garantirà la movimentazione di tutti i materiali durante l'evento.

Con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e di Responsabilità Sociale Rai.Con la media partnership di Rainews 24 e Rai TGR.

Grazie a Province, Comuni, Soprintendenze, Università, Enti Religiosi, Istituzioni Pubbliche e Private, ai privati cittadini e a tutte le aziende che hanno voluto appoggiare la Fondazione, oltre alle 120 Delegazioni, ai 92 Gruppi FAI e ai86 Gruppi FAI Giovani, e alle migliaia di volontari che con il loro lavoro capillare e la loro collaborazione rendono possibile l'evento.

Per informazioni: www.giornatefai.it; www.fondoambiente.it; tel. 02 467615399
Verificare sul sito che non ci siano state variazioni di programma dovute a cause di forza maggiore.

Le iniziative si svolgeranno anche in caso di condizioni meteo avverse salvo ove espressamente indicato.

*Dichiarazione del Sindaco di Riomaggiore dott.ssa Fabrizia Pecunia:

Il Comune di Riomaggiore è orgoglioso di partecipare a questa bellissima iniziativa che porta in primo piano non solo la bellezza di questo territorio, ma la sua storia più profonda e meno conosciuta.

Una storia segnata dal rapporto indissolubile tra uomo e natura, dal coraggio e dalla fatica di coloro che giorno dopo giorno hanno lottato per conquistare centimetri di terra e ci hanno regalato un patrimonio
unico di bellezza e di cultura.
Una terra "sassosa impastata di sudore antico" come recita una bellissima canzone "ErMunumentu" scritta da Siro Vivaldi, poeta locale, e cantata dal gruppo dialettale Grandi & Fanti, in onore dei nostri avi.

Oggi abbiamo una grande responsabilità, dobbiamo risvegliare in noi l'orgoglio per quello che siamo, riconoscere il valore delle nostre tradizioni e della nostra identità per non diventare abitanti
inconsapevoli di luoghi anonimi.

Per l'occasione sarà nuovamente aperta, per la prima volta dopo anni, la bellissima area di Torre Guardiola, un tempo fortificazione della Regia Marina chiamata 'Batteria Racchia', un giardino botanico e zona di
avvistamento per gli appassionati di Bird-Watching, con vista a 180° sul mare.

Grazie ad eccellenze, come la Fondazione Manarola, e alla collaborazione dell'Ente Parco è possibile affrontare la sfida che abbiamo di fronte con una nuova consapevolezza e rinnovata fiducia.

* Dichiarazione del Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre Vittorio Alessandro

L'Ente Parco è felice di patrocinare un evento così atteso e gradito che riserverà un ruolo privilegiato ai giovani, non solo perché li condurrà  alla scoperta del nostro patrimonio paesaggistico in un variegato itinerario a mosaico dove, nell'arco di pochi chilometri, potranno scoprire vigneti terrazzati strappati all'abbandono, luoghi d'arte e memoria ed inediti punti di osservazione naturalistica ma li vedrà anche coinvolti nell'organizzazione della giornata come "ciceroni" insieme alla gente del luogo ed agli esperti.

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre