Vai alla home di Parks.it

Sentieri Alti del Parco - Monterosso: anello Valle del Morione - Punta Mesco - Fegina

24 giugno 2019, sopralluogo con il Direttore Scarpellini e l'ufficio tecnico per verificare la fruibilità e riscoprire nuovi tratti della rete sentieristica del Parco Cinque Terre che conta circa 120 km di percorsi escursionistici.

(Manarola - Sede Parco Cinque Terre, 03 Lug 19) In pochi chilometri tutta la varietà di ambienti naturali delle Cinque Terre, nel percorso ad anello con partenza dal paese vecchio di Monterosso e arrivo a Fegina (Lunghezza, 8,6 km, Dislivello 509 m, Difficoltà E).

Si parte camminando tra imponenti muri a secco e con legante a calce che racchiudono antichi orti di limoni, lambiti dalle acque del torrente Morione da cui prende il nome la valle. 
Basta salire di poco per trovare la frescura di lecci, querce da sughero, castagni e corbezzoli. 
E ancora coltivi tradizionali a vigne e ulivi fino all'Eremo della Maddalena.

Poi sul sentiero n. 591 da Colla di Gritta verso Punta Mesco si cammina sul dorso della montagna. Sul crinale la storia la raccontano le rocce. Fino al promontorio del Mesco si può osservare una sezione di quello che nel Giurassico era un oceano, la Tetide: dapprima si incontrano gabbri e serpentiniti, rocce magmatiche poi argilliti e arenarie del Gottero che, sul Mesco, si presentanto in potenti strati e falesie. 

Il paesaggio si fa lunare, tra i colori della macchia mediterranea spiccano ginepri, mirti, euforbie ed elicrisi.
Da un lato l'infilata sulle Cinque Terre dall'altro Levanto fino a Portofino.

Infine una galleria di corbezzoli conduce agli affacci sul promontorio e l'Eremo di Sant'Antonio, circondato dalla fitta lecceta che da frescura e crea un'atmosfera sospesa. Il tratto di rientro è tutto in discesa sull'SVA n. 590 fino alle spiagge di Fegina.

Galleria foto

ENGL

June 24th, an inspection with Director Patrizio Scarpellini and the technical department of the Park to verify the traversability and rediscover new stretches of the Cinque Terre Park's trail network, which has about 120 km of hiking trails. All the variety of the Cinque Terre natural environment in just a few kilometers, on a loop route starting from the old village of Monterosso and arriving at Fegina (Difficulty Level: E - Hiking Distance: 8,6 km Total Elevation: 509 m).
 
It starts by walking between imposing dry stone walls and walls with lime mortar that enclose ancient lemon gardens, lapped by the waters of the Morione stream from which the valley takes its name. Just a short walk up is enough to find the cool shade of holm oaks, cork oaks, chestnuts and strawberry trees. And then traditional cultivations, with vineyards and olive trees, up to the Hermitage of St. Mary Magdalene.

Then on trail n. 591 from Colla di Gritta towards Punta Mesco you walk along the mountain spine. Along the ridge the rocks recount history. Up to the promontory of Mesco we can observe a section of what in the Jurassic period was an ocean, the Tetide: first we find magmatic rocks gabbro and serpentinite, then shale and sandstone of Gottero that, on Mesco, appeared in strong layers and cliffs.

The landscape becomes lunar, among the colors of the Mediterranean scrub there are junipers, myrtles, euphorbia and helichrysum. To one side the Cinque Terre coastline and to the other, Levanto to Portofino. An arcade of strawberry trees leads to the views on the promontory and the entrancing atmosphere of the Hermitage of Sant'Antonio, surrounded by holm oaks.The return section is all downhill on SVA/590 to the beaches of Fegina. 

Gallery

Testo di Marzia Vivaldi, Traduzione di Christine Godfrey www.cinqueterretrekking.com 

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre