Vai alla home di Parks.it

Contributo del Parco Nazionale delle Cinque Terre nella pubblicazione di articoli scientifici su riviste peer-reviewed.

(Manarola - sede Parco Cinque Terre, 29 Ott 19) Entrambi i lavori pubblicati rientrano nell'attività portata avanti dal Centro Studi Rischi Geologici sull'aumento del quadro conoscitivo del territorio del Parco e sull'adozione di nuovi strumenti per valutare il rischio geo-idrologico lungo i sentieri e le aree coltivate.

Nello specifico:

Gli obiettivi del lavoro sono stati il censimento e la georeferenziazione, con precisione centimetrica, di oltre 400 fenomeni franosi in tutto il Parco delle Cinque Terre e la valutazione della pericolosità per singola tratta sentieristica in base alla creazione dell'indice FLI (Footpath Landslide Index), che considera l'influenza diretta e in scala logaritmica di frane a diverso grado di intensità lungo i vari percorsi interessati dai dissesti

  • Pubblicato sulla rivista scientifica "Water" l'articolo Pepe et al. riguardante l'analisi quantitativa multi-temporale di dati catastali e foto satellitari, con l'obiettivo di valutare le trasformazioni d'uso del suolo dal 1954 ad oggi in relazione all'innesco di fenomeni franosi nell'area campione (Bacino idrografico del Torrente Vernazza).

I risultati mostrano che la superficie ad uso agricolo attuale si è ridotta di circa 4 volte rispetto al 1954 e l'innesco di fenomeni franosi è più frequente in aree abbandonate da poco tempo.

Inoltre i fenomeni innescati lungo aree coltivate presentano una magnitudo inferiore rispetto a quelli innescati in aree abbandonate da poco/molto tempo e la fase che intercorre tra l'abbandono dei terrazzamenti e lo sviluppo di una vegetazione più fitta è quella più critica per la stabilità dei versanti

Qui li link per scaricare l'articolo https://www.mdpi.com/2073-4441/11/8/1552

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre