Vai alla home di Parks.it

Al Parco del Circeo arriva il volontariato civile

Costituita una rete locale di 9 Enti. Si aspetta l’uscita dei bandi

(Sabaudia, 23 Lug 19) L'Ente Parco Nazionale del Circeo, dopo un lungo percorso istituzionale e amministrativo, ha costituito, insieme ad altri 8 Enti, una rete di soggetti che vuole promuovere il servizio civile universale (SCU) sui suoi territori, come espressione del progetto nazionale di volontariato su questo istituto molto importante coordinato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 "Un obiettivo raggiunto a cui tengo molto – ha dichiarato il Direttore dell'Ente Parco, Paolo Cassola - non scontato, visto che con la nuova legge per poter progettare e ospitare volontari con il Nuovo Servizio Civile Universale, diventava necessario costituire a livello di regione, una rete di enti che potesse avere a disposizione almeno 30 sedi di attuazione. Per questo è stato necessario avere come punto di riferimento un vasto areale territoriale attraverso una alleanza tra enti di tutti i tipi (ONG terzo settore, associazioni di assistenza e culturali, aree protette, amministrazioni pubbliche e altro) e anche attraverso una collaborazione tra enti che condividono delle aree tematiche".

Il gruppo costituitosi sotto questa rete per tale progetto - sotto la regia preziosa della Direzione Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette della Regione Lazio - è rappresentato da 9 enti di cui 5 aree protette (il Parco nazionale del Circeo; il Parco regionale dei Monti Simbruini; il Parco regionale dei Castelli Romani; il Parco regionale dei Monti Lucretili; il Parco regionale dell'Appia Antica); 3 Comuni (Subiaco; Guidonia Montecelio; Cineto Romano) e il centro di recupero fauna nella provincia di Rieti: il Parco faunistico dell'Abatino.

Il gruppo degli enti partecipanti è aperto e in evoluzione, e altre amministrazioni locali anche del Parco e altri soggetti, potranno essere sicuramente importanti alleati in questa offerta "civica" ai giovani.  Da ricordare che anche per quello nell'Ente Parco, l'attestato di fine servizio, rilasciato dal Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale, è utile per l'inserimento nel mondo del lavoro ed è valutato nei pubblici concorsi con le stesse modalità e lo stesso valore del servizio prestato presso gli Enti Pubblici.

La progettazione seguirà adesso per il Parco del Circeo i bandi ordinari e non, che durante l'anno usciranno sul sito del servizio civile. Ciascun ente proporrà e redigerà la propria proposta progettuale, che poi verrà ufficialmente e formalmente presentata dal Parco regionale dei Monti Lucretili, ente capofila resosi disponibile alla gestione amministrativa del progetto.

Ad oggi si sta già riflettendo e progettando su filoni e tematiche condivise dalle aree protette sui temi della biodiversità per l'educazione e la ricerca ambientale, per la valorizzazione e la riqualificazione naturalistica così come sulla comunicazione e promozione del territorio, dal supporto alla gestione dei sentieri, allestimenti, alla dimensione informatica e digitale social, e molto altro.

Ad eccezione degli appartenenti ai corpi militari e alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione per il SCV i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni), in possesso dei requisiti che insieme ad altre informazioni sono reperibili a questi link:

https://www.serviziocivile.gov.it/main/area-enti-hp/alboscu/ PDF https://www.serviziocivile.gov.it/media/757150/alboscu_lucretili.pdf 



La sede del Parco del Circeo
Il direttore del Parco, Paolo Cassola
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale del Circeo