Vai alla home di Parks.it

Natura e tecnologia con iNaturalist

Un social network per conoscere a livello internazionale l'avifauna del Parco del Circeo

(Sabaudia, 04 Mar 20) Il sito ufficiale dell'Ente Parco nazionale del Circeo si arricchisce di una nuova ed ulteriore sezione dedicata a tutti gli amanti della natura, ricercatori e fruitori: nella pagina dedicata alla flora e alla fauna delle zone umide http://www.parcocirceo.it/pagina.php?id=33 si propone infatti la check list di "iNaturalist", il famoso social network, tradotto in 27 lingue, di naturalisti, cittadini, scienziati e biologi basato sul concetto di mappatura e condivisione delle osservazioni sulla biodiversità in tutto il mondo.Un progetto congiunto della California Academy of Sciences e della National Geographic Society.

"Gli utenti - ha spiegato il direttore dell'Ente Parco nazionale del Circeo, Paolo Cassola - avranno da oggi a disposizione una lista con schede dinamiche degli uccelli osservati nel territorio del Parco. In aggiornamento continuo, la lista è il frutto delle osservazioni delle varie forme di vita fatte dagli esperti e dai principianti iscritti su iNaturalist.org: cliccando sulla singola immagine è possibile consultare la scheda descrittiva della specie, con areale ed osservazioni effettuate. Sono previste sul tema della preziosa avifauna del Parco anche momenti partecipativi con associazioni, cittadini e scuole". Nel frattempo, in collaborazione con il Reparto carabinieri per la biodiversità di Fogliano, è ripartito, dopo diversi anni di ferma, il progetto di riqualificazione e infrastrutturazione di aree e punti di osservazione birdwatching con un investimento iniziale dell'Ente Parco di circa 10 mila euro.

Laghi e acquitrini del Parco Nazionale del Circeo ospitano una ricchissima avifauna acquatica con oltre 260 specie, tra nidificanti e migratrici-svernanti. I laghi costieri del Parco, rappresentano per il Lazio il principale sito di svernamento degli uccelli acquatici, con un picco massimo di 23.400 uccelli (dato registrato nel 2006). La localizzazione del Parco in un'area geografica coincidente con le principali rotte migratorie, infatti, lo rende particolarmente adatto alla sosta di molte specie di uccelli, che utilizzano soprattutto le risorse trofiche presenti negli ambienti umidi situati nella fascia costiera. Nel Parco, in particolare, sostano specie di uccelli che seguono sia la direttrice migratoria diffusa su vasto fronte, che spinge i migratori ad attraversare diagonalmente la penisola in direzione NE-SO (fenomeno caratteristico dell'Italia centrale) sia la direttrice migratoria tendente a seguire le coste della nostra penisola.

Fenicotteri
Anatidi in volo (foto di Marco Buonocore)
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente Parco Nazionale del Circeo