Vai alla home di Parks.it

Lazio, il luogo delle meraviglie

All’ombra di Roma, ma altrettanto ricco di bellezze naturali, di vivacità, arte e storia, il Lazio è una terra tutta da visitare con calma per non perdersi scorci o angoli interessanti. È come sorseggiare uno dei suoi vini preziosi, o camminare sui s

(03 Apr 19)

È sempre stato un po' in secondo piano davanti alla grandezza monumentale di Roma-caput-mundi, eppure il Lazio è il luogo perfetto per ospitare una città unica come la capitale: come un giardino di piccole e grandi meraviglie raccolto attorno a una regale fontana, così il Lazio sembra essere il luogo dove la "romanità" si declina in tante e infinite piccole manifestazioni. Ecco qualche spunto per una vacanza all'insegna della meraviglia.

Lazio, tra vini pregiati, leggende e piatti tipici

La cucina e i prodotti laziali riportano il sapore genuino e autentico di questa terra. Tra i vini, se spiccano per prestigio tre etichette DOCG, il Cesanese del Piglio, il Cannellino di Frascati e il Frascati superiore, altri 27 DOC sono di tutto rispetto. Alcuni sono diffusi soprattutto all'estero, a volte accompagnando la "modestia" dell'etichetta a storie e leggende suggestive come quelle dell'Est Est Est che risale al 1111 e alle vicende legate al vescovo Johannes Defuk in Italia. Tra i piatti tipici non c'è che l'imbarazzo della scelta: dai bucatini all'amatriciana alle fettuccine dei Castelli Romani, dalla pagliata (pajata, in romanesco) all'abbacchio romano o alla porchetta di Ariccia, dalla coda alla vaccinara agli gnocchi alla romana. Senza scordare le lenticchie di Ventotene o i carciofi romaneschi, che messi insieme a piselli e fave sono alla base del sontuoso contorno della "vignarola".

Lazio, tra borghi incantevoli e autentiche cittadine

Sulle dolci colline dell'entroterra laziale è facile incappare in piccoli e grandi gioielli di cui innamorarsi. Il Lazio conta 52 borghi certificati come i più belli d'Italia. Uno che colpisce il cuore per la sua posizione solitaria su una torre di tufo isolata in mezzo ai calanchi bianchi è Civita di Bagnoregio, la "città che muore". Abitata solo da una decina di persone, in realtà negli ultimi anni è diventata meta turistica di eccellenza per migliaia di persone da tutto il mondo. Una città senza tempo che combatte l'erosione del vento e della pioggia, nella quale ci si immerge per rivivivere una dimensione antica ferma al Rinascimento. Scorci unici e vicoli stretti per una città che rinasce lentamente. Una città in fermento invece è Viterbo, la città dei Papi fin dal 1257, anno in cui Papa Alessandro IV vi trasferì la Curia pontificia. Ma Viterbo è famosa anche per la Macchina di Santa Rosa e il suo trasporto a opera dei cento "Facchini" che ogni anno il 3 settembre la sollevano e la portano a spalla per le vie della città. Un evento molto sentito divenuto dal 2013 patrimonio culturale immateriale dell'UNESCO.

Lazio, spiagge bianche e borghi marinari

Non solo arte ma anche meravigliose coste che custodiscono paesaggi naturalistici unici, panorami mozzafiato e undici borghi marinari affacciati sul mare: luoghi meravigliosi da vivere che sorvegliano la bellezza del mare. Come il borgo di Santa Severa sulla Riviera degli Etruschi con il suo castello baciato dal mare. Più a sud sulla Riviera di Roma, gli storici borghi di Anzio e Nettuno sorvegliano il mare con torrioni medievali cilindrici o con ville nobili e lussureggianti parchi come quello di Villa Borghese. Non meno suggestive le spiagge dorate della costa dove immergersi alla scoperta di antichi reperti come i ruderi della Villa di Nerone ad Anzio. Le dune di Sabaudia e la costa del Parco Nazionale del Circeo sono famose per il loro aspetto selvaggio anche quando d'estate si riempiono di stabilimenti balneari e accolgono migliaia di persone. Qui amavano passeggiare Moravia e Pasolini attratti proprio dalla bellezza naturale locale.

Lazio, le splendide isole sul Tirreno

Per chi ama la natura incontaminata e si dedica alla pesca e alle immersioni, l'arcipelago delle Isole Pontine è il luogo eletto per passare le vacanze. Ponza, Palmarola, Zannone e Gavi a nord-ovest e Ventotene con S.Stefano a sud-est sono facilmente raggiungibili anche solo per una gita di un solo giorno. Certo le calette di Ponza e di Ventotene e la vivacità notturna di queste due isole invitano a soggiorni più lunghi. A queste due isole dal sapore mediterraneo, si affiancano le altre, più selvagge e disabitate.

Lazio, alla scoperta degli innumerevoli cammini  Spopola ormai da qualche anno il turismo lento. Gli appassionati trovano nell'antica rete viaria laziale pane per… le loro scarpe. La Via Francigena del nord è il più classico e riconosciuto cammino di pellegrinaggio dai confini della Toscana attraverso la Tuscia Viterbese sino a Roma e tocca, tra gli altri, Acquapendente e Sutri. A questa via si aggiunge la Via Francigena del sud che si svolge lungo due direttrici viarie, Appia e Prenestina. Il Cammino di Francesco è un itinerario alla scoperta dei luoghi francescani, che dall'Umbria attraversa nel Lazio le provincie di Rieti e di Roma. Tra le tappe più suggestive troviamo il convento di Greccio, dove nel 1223 San Francesco organizzò la rappresentazione del primo presepe vivente, e Farfa con la sua monumentale Abbazia. Il Cammino di Benedetto è l'itinerario che unisce luoghi importanti per la storia e la vita di san Benedetto nel Lazio: da Norcia scende all'abbazia di Montecassino, luogo dove il santo morì, mettendo così in collegamento paesaggi naturalistici mozzafiato con le grandi abbazie laziali dedicate al Santo.

Per saperne di più, www.visitlazio.com

 


Scarica

Fonte: Corriere della Sera

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente Parco Nazionale del Circeo