Vai alla home di Parks.it

Atto intimidatorio al Parco del Circeo, costituito responsabile

Il gestore di uno stabilimento balneare a Sabaudia, molto conosciuto, ha risposto alle domande dei pubblici ministeri in Procura

(17 Set 19)  

Si è costituito spontaneamente ieri, 16 settembre, il responsabile dell'atto intimidatorio al Parco nazionale del Circeo, avvenuto lo scorso 24 giugno.

Il gestore di uno stabilimento balneare a Sabaudia, molto conosciuto, ha risposto alle domande dei pubblici ministeri in Procura, fornendo la propria versione dei fatti riguardo al motivo che l'avrebbe spinto a lasciare tre taniche di liquido infiammabile davanti alla sede del Comando dei carabinieri forestali. Accompagnato dai suoi legali, tra i quali Gaetano Marino, si è presentato negli uffici di via Ezio.

Le indagini erano arrivate ad una svolta, quando è stata estrapolata una traccia di Dna del presunto autore. Diverse anche le intercettazioni raccolte.

I sospetti ci sarebbero stati da tempo.

Innumerevoli le denunce e i controlli sull'area in dotazione. Una spiaggia in concessione al corpo forestale.

L'uomo aveva un noleggio libero di ombrelloni e lettini, ma negli anni creò un vero e proprio lido con opere amovibili, il bar, i bagni, le docce, e poi la musica.

Più di qualcuno si era lamentato. Tutto era stato sequestrato, ma il provvedimento non venne convalidato dal giudice.



 


Scarica

Fonte: LQ Latina Quotidiano

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente Parco Nazionale del Circeo