Vai alla home di Parks.it

Attentato al Parco del Circeo: Scavazza condannato a 3 anni

Questa la condanna a carico di Giovanni Scavazza, l'uomo che circa un anno fa aveva sparso del liquido infiammabile davanti all'ingresso della sede del Parco

(09 Giu 20)  

Tre anni di carcere ed un risarcimento danni di 50mila euro a favore dell'Ente Parco del Circeo. Questa la condanna a carico di Giovanni Scavazza, l'uomo che circa un anno fa aveva sparso del liquido infiammabile davanti all'ingresso della sede del Parco a Sabaudia collocando anche una busta contenente alcuni proiettili. Il 67enne è comparso ieri mattina davanti al giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Latina Giuseppe Cario per rispondere di tentato incendio, minacce a pubblico ufficiale e detenzione illegale di munizioni. La notte del 24 giugno 2019 davanti all'ingresso degli uffici dell'ente era stata versata della benzina ed era stata lasciata una busta all'interno della quale c'erano quattro cartucce calibro 12 indirizzate, secondo gli investigatori, al comandante dei carabinieri della stazione forestale del Parco del Circeo Alessandro Rossi. L'ipotesi è stata da subito quella di una vendetta per alcuni controlli e sequestri di opere abusive sul lungomare della città delle dune. Dalle taniche utilizzate per portare il carburante ritrovate all'ingresso del Parco erano state isolate impronte digitali e tracce di Dna che avevano condotto a Giovanni Scavazza e al figlio Nicolò, titolare di un'attività di noleggio sdraio destinataria di più di un provvedimento di sequestro. Il 67enne aveva confessato ai pm Valentina Giammaria e Antonio Sgarrella e si era detto pentito ed era rimasto a piede libero. Poi, a distanza di una decina di giorni, nei suoi confronti era stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare mentre per il figlio era scattata la denuncia. Ieri il processo che, su richiesta della difesa rappresentata dall'avvocato Gaetano Marino, si è svolto con il rito abbreviato per usufruire dello sconto di un terzo della pena. In aula c'era anche l'Ente Parco del Circeo, rappresentato dall'avvocato Luigi Giuliano, che si è costituito parte civile nel procedimento. Il pm Andrea D'Angeli, a conclusione della sua requisitoria, ha chiesto una condanna a quattro anni di carcere mentre la difesa ha ricordato come l'imputato si fosse spontaneamente presentato presso la Procura della Repubblica di Latina per costituirsi e ammettere di essere lui il responsabile del gesto. A conclusione della camera di consiglio il gup ha ridotto la pena a tre anni. Scavazza, tuttora ai domiciliari, è stato anche condannato a un risarcimento danni nei confronti dell'Ente Parco di 50mila euro con una provvisionale di 20mila euro.

 


Scarica

Fonte: Il Messaggero

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente Parco Nazionale del Circeo