Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

www.dolomitipark.it
Mappa interattiva
Mostratevi online ai lettori di Parks.it

Val Canzoi

Val Canzoi, Caorame lungo sentiero CAI 806
Val Canzoi, Caorame lungo sentiero CAI 806

Accesso: Da Le Ave al lago della Stua, lungo la strada comunale, con brevi digressioni laterali

Una valle pittoresca, insinuata nel cuore del Parco
La Val Canzoi, microcosmo arcaico e pittoresco, originato dalla confluenza di un reticolo di valli ripide e rupestri che solcano e drenano il versante meridionale del gruppo del Cimonega (Val di Neva, Val delle Grave, Val d'Alvis, alta Val Caorame, Val Slavinaz, Val Casole), è un sistema vallivo profondamente insinuato nel cuore del parco. La valle, molto antica, incide trasversalmente l'intera successione stratigrafica delle Dolomiti Bellunesi, consentendo così di osservare le principali formazioni rocciose, dalla Scaglia rossa (imbocco della valle) alla Dolomia Principale. Come spesso succede per le valli antiche, è un sistema ambientale complesso, alla cui evoluzione morfologica hanno concorso i ghiacciai, i corsi d'acqua, i processi di degradazione dei versanti (frane ed erosioni) e, localmente, la corrosione carsica. Il modellamento glaciale, operato da un ramo insinuato dell'antico ghiacciaio del Piave durante le fasi culminali dell'era glaciale, è riconoscibile per la forma blandamente a U del profilo trasversale (fondovalle relativamente ampio e fianchi piuttosto ripidi). Una stradina si addentra nella valle consentendo, con brevi digressioni laterali, di esplorare microambienti interessanti:

  • (a) lo stagno di S.Eustachio, adagiato in una depressione delimitata da una collinetta detritica sinuosa, costituita da depositi glaciali (argine morenico)
  • (b) la sorgente carsica di Fraina bassa, le cui acque, sgorganti dalle rocce della Dolomia Principale, defluiscono pigramente espandendosi in una ampia pozza (tritoni, rane), per poi confluire nel T.Caorame
  • (c) fe forre di Ponte Umin (vedi figura) e di La Stua incise nelle rocce della Dolomia Principale, profonde gole che il T.Caorame si è dovuto aprire in seguito all'occlusione della vecchia valle ad opera rispettivamente dei depositi torrentizi di un torrente laterale (P.te Umin) e dei depositi fluvioglaciali (La Stua)
  • (d) le marmitte di evorsione e le cascatelle del Caorame, lungo il sentiero per casera Cimonega.

Altre informazioni

Comune: Cesiomaggiore (BL)  Regione: Veneto


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2021 - Ente Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi