Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna

www.parcoforestecasentinesi.it
 

Marrone del Mugello

La storia
Le prime notizie sul marrone del Mugello risalgono ad epoca romana, ma è dall'Alto Medioevo che assume una elevata importanza economica, tanto da venire citato nei registri della Gabella di Firenze già dal '300. Il Catasto fiorentino parla del Mugello come terra con "....grande abbondanza di marroni grossi e buoni ....". Alla fine dell'800, l'avvento della ferrovia determina un forte sviluppo dell'esportazione di questo frutto. Dopo un periodo di crisi negli anni '50, sta vivendo oggi un nuovo interessante sviluppo. Nel 1996 il Marrone del Mugello ha ottenuto l'I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta). Nel 1998 si è costituita l'Associazione Marrone del Mugello I.G.P., a tutela di questo prodotto e dei suoi derivati.

Area di attuale produzione nel Parco
Londa, San Godenzo.

Descrizione
Il frutto è di dimensioni medio - grosse, di forma ovoidale ellittica con apice depresso. Buccia marrone avana con striature più scure ed abbondante pelosità interna. Il seme, di sapore dolce e delicato, è di color crema ed è ricoperto da una sottile pellicola di colore marrone.

La stagionalità del prodotto
Il prodotto viene immesso al consumo dal 5 ottobre e può essere reperito come prodotto fresco, fresco curato, secco con guscio, secco sgusciato e farina.

Marrone del Mugello
Marrone del Mugello
I produttori segnalati
Pagina Ospitale Molino Fratelli Grifoni
Tipologia: Aziende agricole
Località: Castel San Niccolò (AR)
Tipologia: Altri
Località: Borgo San Lorenzo (FI)
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna