Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna

www.parcoforestecasentinesi.it
 

Raviggiolo

La storia
Nel 1515 il Magistrato Comunitativo della terra di Bibbiena portò in dono a Papa Leone X alcuni raviggioli presentati in un canestro ricoperto di felci; è la prima testimonianza storica di questo formaggio frutto della caseificazione con caglio senza rottura. L'Artusi, nel suo "Manuale pratico per le famiglie ...." inserisce il "cacio raviggiolo" come ingrediente per i cappelletti all'uso di Romagna indiscutibile testimonianza della valenza culinaria di un prodotto fresco ottenuto dalla caseificazione di latte, oggi in prevalenza vaccino.

Area di attuale produzione nel Parco
Bagno di Romagna, Bibbiena, Chiusi della Verna, Poppi, Portico - San Benedetto, Pratovecchio, Premilcuore, San Godenzo, Santa Sofia, Stia.

Descrizione
E' un prodotto a pasta bianca, tenera, dal sapore molto delicato, quasi dolce, leggermente burroso. Ha normalmente forma circolare e altezza variabile fra i 2 e i 4 centimetri. Viene usualmente presentato su rametti di felci.

La stagionalità del prodotto
La sua ridotta conservabilità, quattro o cinque giorni al massimo, ne relega la produzione ai mesi compresi fra ottobre e marzo.

Raviggiolo
Raviggiolo
I produttori segnalati
Pagina Ospitale Fattoria Trapoggio
Tipologia: Aziende agricole
Località: Santa Sofia (FC)
Tipologia: Aziende agricole
Località: Galeata (FC)
Tipologia: Aziende agricole
Località: Monteguidi (FC)
Tipologia: Aziende agricole
Località: Chiusi della Verna (AR)
Tipologia: Aziende agricole
Località: Pratovecchio (AR)
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna