Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna

www.parcoforestecasentinesi.it

Atlante degli uccelli nidificanti nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna

Atlante degli uccelli nidificanti nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna
Atlante degli uccelli nidificanti nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna
Un centinaio di specie descritte in una nuova pubblicazione

Gli uccelli, senza dubbio, rappresentano il gruppo di animali più affascinante e vario. Dai grandi predatori, come l'aquila e il gufo reale, alle acrobatiche cince, al minuscolo fiorrancino, al picchio nero simbolo delle foreste vetuste.

Finalmente dopo sei anni di esplorazioni e ricerche è stato pubblicato il primo Atlante degli uccelli nidificanti del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Quasi un centinaio di specie raccontate nella loro ecologia e distribuzione. Un patrimonio ornitologico di grande valore, come del resto i ricercatori che hanno partecipato alla stesura del libro: romagnoli e toscani si sono coordinati e per la prima volta si è ottenuta una visione globale di quella parte dell'Appennino tosco romagnolo che ricade nell'area protetta.

Il volume di 238 pagine, impreziosito da una prefazione di Pierandrea Brichetti, uno dei massimi ornitologi italiani, e da un capitolo dedicato all'ambiente naturale e alle metodologie di studio applicate, descrive 97 specie nidificanti in altrettante schede dedicate, con brevi note di ecologia, descrizione sulla presenza storica ed attuale, foto e carta di distribuzione della specie.
  • A cura di: Pier Paolo Ceccarelli, Stefano Gellini, Guglielmo Londi, Nevio Agostini
  • Editore: ST.E.R.N.A.
  • ISBN: 978-88-95719-03-0
  • Pagine: 238
  • Formato: 17x23 cm
  • Anno: 2019
  • Prezzo: 20,00 €  

Acquista on-line all'Emporio dei Parchi

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna