Vai alla home di Parks.it

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

www.gransassolagapark.it

Olio extravergine di oliva

La Storia
In Italia, la cultura dell'olivo è stata introdotta dai Greci nelle loro colonie del Meridione. In Abruzzo, viste le favorevoli condizioni pedoclimatiche, questa coltura non tardò ad affermarsi. Le prime tracce di questa vocazione olivicola risalgono al periodo della dominazione romana quando si favorì una espansione dell'olivicoltura e dell'industria olearia, con il fiorire di numerosi trapetum.
I Romani poi, si specializzarono nell'immagazzinamento e distribuzione dell'olio e razionalizzarono la gestione delle grandi quantità ottenute dai popoli sottomessi.
Altra area del Parco interessata dall'olivicoltura di qualità è l'Ascolano nelle Marche. Marziale, nei suoi epigrammi, afferma di non poter concludere degnamente un pasto senza consumare le olive di Ascoli.
Con l'Inizio delle invasioni barbariche e della dominazione Longobarda si avvia un periodo di lento declino delle produzioni e dei commerci in genere, fino ad arrivare negli anni più bui del Medioevo ad una economia di sussistenza in cui le produzioni vengono destinate quasi esclusivamente al consumo familiare.
Con lo stabilirsi in terra d'Abruzzo dei monaci Benedettini, avvenuto intorno al XII sec., si ha una ripresa dello sviluppo economico e sociale e dalle loro abbazie (S. Clemente a Casauria, S. Maria Arabona, ecc.), si pongono le basi per una ripresa della coltivazione dell'olivo.
Attualmente, gran parte della produzione olivicola del territorio è ottenuta da sole tre varietà quali la Gentile di Chieti, la Dritta e il Leccino alle quali fanno da cornice numerose altre varietà locali di particolare interesse. Dritta e Toccolana sono le varietà maggiormente diffuse nel Pescarese; Carboncella, Tortiglione e Castiglionese nel Teramano; l'Ascolana tenera come varietà da mensa nel marchigiano mentre la varietà Leccino è diffusa un po' ovunque sul territorio.
Gli olivi, in uno sforzo che quasi commuove, si abbarbicano alla nuda roccia calcarea, si insediano e colonizzano i piccoli impluvi ove si accumula il suolo. Non di rado, i preziosi alberi sacri ad Atena vengono protetti entro recinti in pietra, vere e proprie isole colturali tra le grandi estensioni pascolive. Piante spesso dalle dimensioni gigantesche, come l'albero che segna i confini tra i territori di Capestrano e Navelli: l'olivo più grande e monumentale dell'intera regione.
Una tale diversità di cultivar unitamente alle diverse condizioni climatiche e pedologiche portano a differenti varietà di olii extravergine: oli dal profumo leggero e delicato nelle zone collinari, oli dal gusto intenso fruttato e leggermente piccante e amaro nelle zone interne.
L'area protetta presenta nel proprio territorio due oli DOP, originari delle zone olivicole per eccellenza: Aprutino-Pescarese e Colline teramane-Pretuziano.

Altre informazioni

I produttori segnalati
  Agriturismo La Fara di Morretti Anna Domenica
Aziende agricole - Carpineto della Nora (PE)
  Soc. agr. Pasetti di Domenico Pasetti s.s
Aziende agricole - Francavilla (CH)
  Azienda Agricola Il Convolvolo di Francesca D'Anastasio
Aziende agricole - Villa Santa Lucia degli Abruzzi (AQ)

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga