Vai alla home di Parks.it

Piccoli giardini botanici nelle scuole per la conservazione delle piante Floranet

(Guardiagrele, 17 Giu 19) Nel Parco Nazionale della Majella sono stati coinvolti 260 alunni delle scuole primarie e secondarie di I grado, in un percorso educativo-didattico triennale promosso ed attuato nell'ambito del Progetto Europeo Life Floranet, che vede in questi giorni la conclusione della seconda fase delle attività consistenti nella messa a dimora nei cortili delle scuole di oltre 400 piante autoctone, tra cui alcune delle specie target rare Floranet quali l'Astragalo aquilano e l'Iris marsica, riprodotte appositamente nel vivaio del Parco, presso il Giardino Botanico "D. Brescia" di Sant'Eufemia a Maiella (Pe).

I tecnici del Parco della Majella e gli operatori di Legambiente, hanno coadiuvato e seguito gli studenti che con entusiasmo e partecipazione hanno lavorato direttamente e manualmente nella creazione dell'aiuola Floranet.

Sono state fornite grandi fioriere in legno che unitamente agli spazi disponibili a terra per la messa a dimora delle piante, hanno permesso la realizzazione di 12 piccoli "giardini botanici", corrispondenti al numero di plessi che hanno aderito al programma didattico, completi di pannelli informativi e cartellini con i nomi delle piante. In particolare le aiuole Floranet sono state realizzate dagli studenti della Scuola primaria di Tocco da Casauria, della Scuola primaria e secondaria di I grado di Manoppello C.U. e Manoppello Stazione (Pe), dalla Scuola primaria di Palena, Torricella Peligna, Fara San Martino e Guardiagrele (Ch), e secondaria di I grado di Palena, Lama dei Peligni, e Montenerodomo (Ch).

Floranet è un progetto co-finanziato dall'Unione Europea, per la salvaguardia e la valorizzazione di sette specie vegetali rare ed in pericolo di estinzione presenti nei parchi naturali dell'Appennino Abruzzese, che vede quale beneficiario il Parco Nazionale della Majella e partner di progetto il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Regionale Sirente -Velino, l'Università di Camerino e Legambiente.

Per il Direttore F.F. del Parco Nazionale della Majella, e Coordinatore Tecnico del Progetto Luciano Di Martino, l'aiuola Floranet per le classi coinvolte vuole essere un vero e proprio spazio educativo all'aperto dove l'osservazione, ma soprattutto la sperimentazione e la raccolta dati costituisce un'utile occasione per riflettere ed acquisire atteggiamenti consapevoli e rispettosi dell'immensa ricchezza di biodiversità presente nei nostri territori.

 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Ente Parco Nazionale della Majella