Vai alla home di Parks.it

Nocillo

Nocillo
Nocillo
Nocillo
Nocillo
Nocillo
Nocillo

La Storia
L'origine del nocillo  si perde nei secoli e la sua preparazione è legata ad una metodologia precisa e quasi rituale. L'ingrediente principale da cui è costituito, le noci verdi, devono essere raccolte e tagliate alla vigilia del giorno di San Giovanni, il 23 giugno; in quel giorno, infatti, si trovano nel loro momento "balsamico" poiché il gheriglio, protetto dal mallo verde e dal guscio morbido, non presenta gocce d'acqua al suo interno ma è ricco di oli essenziali. Le noci, comprensive di mallo, vengono lasciate macerare in alcool per trenta quaranta giorni in bottiglie di vetro ben tappate ed esposte al sole, che devono essere agitate di tanto in tanto. Al termine del periodo di macerazione il composto viene filtrato e diluito a freddo con uno sciroppo preparato a parte con acqua sterilizzata e zucchero, ed aromatizzato con chiodi di garofano e cannella: dopo l'imbottigliamento si lascia riposare per almeno due mesi prima di consumarlo. Il nocillo prodotto originario delle aree interne della regione, più precisamente dell'Irpinia e del Sannio, ma da tempo la produzione si è diffusa anche ad opera di alcuni piccoli laboratori artigianali vesuviani.

Area di produzione
Sant'Anastasia

Descrizione
Il nocillo o nocino è un rosolio antichissimo, di colore scuro e gradazione alcolica molto elevata, intorno ai 40°, dalle spiccate proprietà digestive e dal prelibato sapore amaro.

I produttori segnalati
  E' Curti
Altri - S. Anastasia (NA)

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Ente Parco Nazionale del Vesuvio