Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Punti d'interesse

Ambiente naturale e storico-culturale


 
 

1 - Santuario di Montevergine


Mercogliano

Dedicato alla Madonna nera (cosiddetta Mamma Schiavona), è situato sul monte Partenio, a 1270 m slm, ed è raggiungibile anche mediante la funicolare. Il Santuario conserva uno splendido museo, con reperti archeologici ed una mostra permanente di presepi provenienti da tutto il mondo. Veneratissima l'immagine duecentesca della Madonna, dipinta da Pietro Cavallini. Di pregevole fattura è l'organo monumentale del 1896.


 
 

2- Palazzo Abbaziale di Loreto


Mercogliano

Cinto da un ampio cortile e da un curatissimo giardino, il palazzo è la sede invernale dell'Abate di Montevergine. Nella struttura, riedificata nel 1735 su disegno del Vaccaro - allievo di Vanvitelli - sono custoditi arazzi fiamminghi cinquecenteschi, una farmacia con una collezione di oltre trecento vasi in maiolica, una biblioteca con un importante archivio di oltre settemila pergamene nonché documenti imperiali e vescovili.


 

3 - Borgo di Capocastello


Mercogliano

In esso si possono ammirare i ruderi recentemente restaurati del suggestivo castello medioevale, distrutto da uno spaventoso incendio nel 1656. All'ingresso del borgo è visibile l'unico tratto delle antiche mura che un tempo lo circondavano: la Porta dei Santi, sulla cui sommità è possibile ammirare un affresco raffigurante San Martino, San Fiorentino e San Flaviano.


 

4 - Monumento del Pellegrino


Ospedaletto d'Alpinolo

Realizzato su disegno dell'Abate verginiano Vignatelli, si compone di cinque statue rappresentanti viandanti che si dirigono verso il Santuario di Montevergine.


 

5 - Torre Angioina


Summonte

Elevata sui ruderi del castello, tra la fine del XIII e l'inizio del XIV sec., è stata recentemente restaurata nel rispetto dei particolari dell'epoca, riproponendo i materiali e le tecniche costruttive preesistenti, con la ricomposizione della struttura muraria e la ricostruzione dei solai lignei.


 

6 - I ruderi dell'Incoronata


Sant'Angelo a Scala

Fondato nella seconda metà del sedicesimo secolo su una preesistente cappella costruita dagli eremiti Giulio da Nardò e Giovanni Figuera, il santuario era caratterizzato dal dato peculiare che cuore dell'Istituto non fosse il chiostro, come per le altre congregazioni religiose, ma le celle, espressione delle severe prescrizioni della regola coronese.


 
 

7 - La guglia rocciosa


Pietrastonina

Su di essa sono visibili i ruderi del castello medioevale che in origine presentava due corpi di fabbrica, un sistema di camminamenti costituiti da ripide scale ricavate nella roccia e da alcuni bastioni murari.


 

8 - Il castello


Pannarano

Di notevole pregio storico e artistico, fu eretto intorno al 1300 da Guglielmo Della Leonessa. Nato come insediamento fortificato, è stato in seguito trasformato, diventando la residenza signorile prima dei Caracciolo e poi dei Cocuzza. Il castello era dotato di cappella privata, i cui arredi vennero donati alla congrega del SS. Rosario


 
 

9 - Oasi WWF Montagna di Sopra


Pannarano

Il dislivello altitudinale del territorio dell'Oasi, compreso tra gli 800 e i 1598 m s.l.m. dei Monti di Avella, comporta una complessità vegetazionale notevole, con elementi della flora mediterranea alle quote più basse e boschi di faggio a quelle più alte. L'ossatura geologica è di natura prettamente calcarea. Dalle sorgenti d'acqua, tra cui la fonte di "Acqua delle Vene", sgorga ottima acqua oligominerale. È dotata di un rifugio con possibilità di pernottamento, di diversi sentieri per il trekking e di un percorso natura attrezzato per le scuole con un'aula didattica all'aperto.


 

10 - Il castello Pignatelli della Leonessa


San Martino Valle Caudina

Situato in posizione strategica e panoramica a 400 metri di altitudine, il castello è strutturato su due livelli e conserva splendide pitture parietali. Sorto in epoca longobarda, è stato ristrutturato durante l'età normanno-sveva e, nonostante i tanti rifacimenti avvenuti nel corso dei secoli, ha mantenuto parte dell'originaria fisionomia di fortezza medioevale.


 

11 - Il castello medioevale


Cervinara

Recentemente restaurato, conserva ancora l'originaria pianta quadrata, alcuni tratti delle mura e il donjon (la torre principale).
Di notevole valore artistico e storico in quanto funge da testimonianza della complessa istituzione feudale.


 

12 - Il Santuario della Madonna della Stella


Rotondi

Posto ai piedi del massiccio del Partenio, a 2 km dal centro abitato, fu costruito nel XVII sec. In origine era il castello De Rotundis, ceduto successivamente ai frati Cappuccini che lo trasformarono in Convento e lo abitarono fino al 1800. La chiesa, anche se piccola, è molto raccolta. Il pavimento è in cotto napoletano.
L'altare, al centro della cupola, accoglie il trono con la Madonna.


 

13 - Palazzo De Mauro


Paolisi

Edificato nel XVII sec., inizialmente utilizzato a servizio dei fondi rustici, fu poi utilizzato come residenza signorile. Il palazzo si sviluppa lungo tutto l'asse viario di via Roma per una lunghezza di circa ottanta metri. Nel cortile interno, lastricato in pietra da taglio e perimetrato da una successione di archi e da pittoreschi loggiati, è possibile ammirare un magnifico arco in pietra travertina.


 

14 - Abbazia di San Fortunato


Arpaia

Situata ai piedi del monte Castello, presenta una torre campanaria a pianta quadrangolare costruita interamente in pietra e conci tufacei, il cui ingresso è costituito da un portale in pietra.


 

15 - La Chiesa di San Nicola di Myra


Forchia

Edificata nel XVII secolo, presenta una facciata a capanna abbellita da un portale lapideo. Agli angoli è possibile notare lesene architettoniche, mentre due finestre rettangolari si dispongono ai lati di un pannello maiolicato policromo con la figura del santo. Sulla destra dell'abside si eleva l'alta torre campanaria con finestroni archivoltati, orologio civico e tipica terminazione a cipolla


 

16 - Il castello


Arienzo

Eretto dai Longobardi a difesa del Ducato di Benevento, il castello divenne feudo baronale e passò da un dominio all'altro. Della cinta muraria, più volte distrutta, si vedono ancora i possenti ruderi.


 

17 - Santuario di Sant'Angelo a Palombara


San Felice a Cancello

Eretto su uno spuntone di roccia sul monte Sant'Angelo a Palombara, a circa 600 m di altitudine. La chiesa, a due navate, custodisce due statue in legno, raffiguranti S. Michele e la Madonna della Libera. Nelle angustissime celle è possibile ammirare gli affreschi di Santa Caterina di Alessandria.


 

18 - Castello di Cancello


San Felice a Cancello

Di origine longobarda, segna il termine della "Valle di Suessola". Durante la seconda guerra mondiale fu utilizzato come sito di accampamento e di osservatorio dalle truppe americane.


 
 

19 - Foresta demaniale regionale


Roccarainola

Splendida foresta mista di querce, castagni e faggi. Ospita un vivaio regionale ed aree attrezzate per la sosta. È gestita dalla regione Campania.


 

20 - Chiesa di Santa Lucia


Roccarainola

Posizionata tra gli ulivi della collina omonima, risale al XVI secolo. L'edificio è a navata unica, con campanile e facciata ornata da pannelli di maiolica raffiguranti la Madonna, il Bambino, S.Antonio, S.Biagio e S.Maria.


 

21 - Palazzo ducale Alvarez de Toledo


Avella

Eretto dalla famiglia Colonna nel '500, è arricchito da un giardino ispirato allo stile "vanvitelliano", in cui si erge un secolare platano.


 

22 - Grotta di San Michele Arcangelo


Avella

Di origine carsica, fu sfruttata dai monaci eremiti come chiesa rupestre e contiene affreschi che risentono dell'influsso bizantino.


 

23 - Il castello


Avella

Edificato durante la dominazione longobarda, venne successivamente ricostruito e potenziato dai Normanni, dagli Svevi, dagli Angioini e dagli Aragonesi. Costituisce, con le tre cinte murarie e l'alta torre cilindrica, la sintesi delle tecniche costruttive militari in Campania. La posizione strategica del fortilizio difensivo consente tuttora di godere di un suggestivo panorama.


 

24 - L'Anfiteatro


Avella

Costruito tra il I e il II sec. d. C., è uguale per dimensioni a quello di Pompei. Situato in località S. Pietro, è tuttora ben conservato nel suo impianto originario, con l'arena di forma ellittica e le strutture murarie in opus reticulatum.


 

25 - Monumenti funerari


Avella

Di notevole imponenza, la necropoli monumentale comprende quattro mausolei funerari che risalgono all'epoca romana.


 

26 - Chiesa dell'Annunziata


Sperone

Edificata nel XVIII sec. a seguito della realizzazione della via Nazionale delle Puglie, ora Strada Statale 7 bis, lungo cui si sviluppò il paese. Nell'unica navata interna si conserva ancora l'originario altare maggiore in stile barocco.


 

27- Santuario di Santo Stefano


Baiano

Articolato secondo un impianto basilicale a tre navate, con transetto, abside e campanile; la facciata esterna, coerente con la decorazione interna, è realizzata in forme neoclassiche, ricca di lesene, capitelli ionici, cornici e cornicioni dentellati.


 

28 - Palazzo Carovita


Sirignano

Edificato verso la metà del XIX secolo sui resti dell'antico castello feudale dei Caracciolo, è caratterizzato dalle tre torri merlate a pianta quadrata e da un rigoglioso parco con maestosi alberi secolari. L'edificio è dotato di un antico portale in pietra e di una cisterna del XVI secolo.


 

29 - Palazzo baronale


Quadrelle

Il palazzo baronale, edificato nel XVI secolo ad opera della nobile famiglia Pagano, probabilmente sulle rovine dell'antico castello medioevale, venne ricostruito nel XVIII secolo. Il palazzo, a pianta quadrata con cortile centrale, è costituito da oltre cinquanta vani, ed è dotato di un giardino pensile, alberi secolari e fontane.


 

30 - Santuario di Santa Filomena


Mugnano del Cardinale

Costruito nel 1641 per custodire le reliquie della Martire, vissuta ai tempi dell'imperatore Diocleziano. La splendida facciata del Santuario presenta una cupola con una piccola torre cilindrica ed è corredata da due torri quadrate gemelle. Molto bello il portale in bronzo.


 
 

31 - Castello longobardo


Monteforte Irpino

Eretto sulla cima del colle di S. Martino, è circondato da una pineta recintata e attrezzata. Di notevole importanza strategica, questa fortezza venne rimaneggiata da Federico II di Svevia, dalla casata angioina e da quella aragonese. Di esso è possibile ammirare parte delle mura perimetrali, una torre a pianta circolare, l'ingresso principale ed un artistico camino.


share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Ente Parco Regionale del Partenio