Vai alla home di Parks.it

Parco fluviale del Po tratto vercellese/alessandrino
e Riserva Naturale del Torrente Orba

www.parcodelpo-vcal.it
Banner Locale per la promozione del territorio

L'Area Protetta

Carta d'identità

  • Sistema delle aree protette Fascia fluviale del Po tratto Vercellese/Alessandrino:
    • Superficie a terra (ha): 14.035,00
    • Regioni: Piemonte
    • Province: Alessandria, Torino, Vercelli
    • Comuni: Alluvioni Cambiò, Bassignana, Bosco Marengo, Bozzole, Camino, Casal Cermelli, Casale Monferrato, Coniolo, Crescentino, Fontanetto Po, Frassineto Po, Gabiano, Guazzora, Isola Sant'Antonio, Molino dei Torti, Moncestino, Morano sul Po, Palazzolo Vercellese, Pecetto di Valenza, Pomaro Monferrato, Pontestura, Predosa, Trino, Valenza, Valmacca, Verrua Savoia
    • Provv.ti istitutivi: LR 28 17/04/90 - LR 65 13/04/95 - LR 38 20/11/98
    • Elenco Ufficiale AP: EUAP0458

Lo Statuto (PDF - 63Kb)

 

 
Palazzolo

Ghiaia Grande

(Riserva naturale speciale)
Qui si è conservato un ambiente ricchissimo e sicuramente unico nel suo genere. Nella parte collinare della riserva, il bosco a strapiombo sul fiume ospita una garzaia di airone cenerino e un sito di nidificazione del nibbio e della poiana. E' inoltre stata segnalata la presenza di tartaruga palustre.

Confluenza del Sesia e del Grana

(Riserva naturale speciale)
E' senza dubbio il "cuore naturale" di tutto il tratto, dove il Po assume un carattere maestoso con estesi ghiareti, bracci secondari e grandi saliceti, che nei periodi di piena vengono sommersi. La rotta migratoria consente di osservare una ricca quantità di uccelli: piccoli trampolieri, il falco pescatore, il falco pellegrino, il cormorano e il martin pescatore.

Garzaia di Valenza

Garzaia di Valenza

(Riserva naturale integrale)
E' stata creata per tutelare l'unica colonia piemontese di airone rosso. Ospita anche esemplari di nitticora, sgarza ciuffetto, garzetta ed è spesso visitata dal falco di palude.

Il Boscone

(Riserva naturale speciale)
La particolarità di questa riserva consiste nella presenza di una grossa porzione di foresta pluviale che, in passato, ricopriva gran parte del comprensorio. L'area è stata modificata dalle regimazioni idrauliche degli anni 70 che hanno trasformato il corso del fiume. Sulle sponde sono presenti nidi scavati dai gruccioni mentre sugli alberi nidifica il falco lodolaio.

Confluenza del Tanaro

(Riserva naturale speciale)
Naturale continuazione della Riserva del Boscone, comprende un'altra importante confluenza: quella del Tanaro. Anche in questo tratto di fiume si possono osservare i passaggi di numerosi migratori, in particolare di aironi e cormorani. Sulle isole di ghiaia sono presenti sterne, fraticelli e molti gabbiani reali.

Sponde fluviali di Casale Monferrato

(Area attrezzata)
Nata quale area di sfogo per il centro abitato di Casale la riserva, che occupa una superficie di 119 ettari, punta a ricostruire il legame tra la città e il fiume, sempre molto vivo nel passato, ma deterioratosi negli anni del "boom economico".

Zona di salvaguardia

Il restante territorio funge da area di raccordo tra le Riserve naturali e l'Area attrezzata ed è sottoposto a un regime di vincoli di tutela meno severi: ad esempio è consentito esercitare la caccia. Presenta zone e ambienti naturali ancora intatti come i vasti boschi collinari ricchi di vegetazione e di fauna.

Torrente Orba Capriata

Riserva Naturale Speciale del Torrente Orba

La riserva interessa due tratti fluviali distinti: il primo a monte dell'abitato di Predosa e il secondo compreso tra il borgo di Retorto e Casalcermelli.
Salici e pioppi occupano le zone esterne dell'alveo e le sponde digradanti del torrente. Rimangono integre alcune residue porzioni di bosco ripariale che ospitano la volpe, il tasso, la faina, la donnola, la lepre, il capriolo e il cinghiale di provenienza appenninica. Oltre agli ardeidi nidificanti (nitticora e garzetta) sono presenti l'airone cenerino, la gallinella d'acqua, la sterna e il corriere piccolo. Nel letto del torrente è ancora possibile trovare alcune pagliuzze d'oro e non mancano talvolta i cercatori.

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente di gestione delle aree protette del Po vercellese-alessandrino