Vai alla home di Parks.it

Parco della fascia fluviale del Po - tratto Cuneese

 

Vecchie varietà di mele piemontesi

Il Piemonte all'inizio del Novecento possedeva migliaia di varietà di mele, alcune pregiate e apprezzate in tutto il mondo. La melicoltura tradizionale ha ceduto il passo a quella intensiva di pianura negli anni '60 e le varietà locali sono state rapidamente sostituite da quelle straniere, più produttive, più grandi, più belle, più adatte alle tecniche moderne, così che in appena quarant'anni è scomparsa un'enorme ricchezza.
Non tutto è perduto. Proprio nelle aree marginali scartate dall'agricoltura industriale (le valli Varaita, Maira e Pellice) sono sopravvissute molte vecchie varietà. 
Molte di queste possono avere un futuro perché sono rustiche, belle, aromatiche e profumate; perché si conservano a lungo o per tutte queste caratteristiche insieme. Sono la Grigia di Torriana, la Buras, la Dominici, la Magnana, la Carla, la Runsè, la Gamba Fina e le Calville (Rossa e Bianca d'inverno).
L'Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente di Osasco (TO), gestisce dei vivai sperimentali di antiche varietà piemontesi.

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 -