Vai alla home di Parks.it

Centro Visita e Museo Naturalistico di Pennabilli

Centro Visite - Museo Naturalistico di Pennabilli
Centro Visite - Museo Naturalistico di Pennabilli
Via dei Tigli, 5/a
61016 Pennabilli (RN)

Comune: Pennabilli Regione: Emilia-Romagna

Tel. 0541/928047 - Fax 0541/928047
E-mail: cv.museonat@libero.it

Il Centro Viste e Museo Naturalistico di Pennabilli è stato inaugurato nel giugno 2004 dall'Ente Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello in collaborazione con il Comune di Pennabilli.
La struttura, un ex mattatoio comunale ristrutturato, ospita al suo interno una mostra permanente sulla flora e fauna autoctona. E' possibile osservare numerosi diorami che presentano le specie animali e vegetali più rappresentative del territorio: possiamo ritrovare esemplari di capriolo, tasso, cinghiale, volpe, istrice, donnola, per citarne solo alcuni. Si possono anche ammirare tantissimi altri rappresentanti dell'avifauna locale: rapaci notturni e diurni come la civetta, il barbagianni, il gufo reale, l'allocco, la poiana, il gheppio, il falco pellegrino etc.
Gli animali, tassidermizzati, sono inseriti in una ricostruzione del loro ambiente naturale che si attiene fedelmente a quello presente in natura rendendo il contesto interessante e naturale. Di particolare pregio è un esemplare di lupo appenninico frutto di un raro ritrovamento avvenuto all'interno del parco.
La struttura è dotata di un aula didattica polivalente, ideale per lo svolgimento di seminari, conferenze, lezioni video e laboratori didattico-creativi dedicati ai ragazzi delle scuole elementari e medie inferiori.
In futuro è previsto l'allestimento di una Biblioteca Naturalistica e di un Centro multimediale per ricerche e consultazioni.
Per informazioni e delucidazioni, contattare il Museo Naturalistico in orario di apertura (L'orario di apertura potrà essere modificato in base alle esigenze dei gruppi e alle relative prenotazioni).

Pennabilli: cenni storici
Caratteristica cittadina ai piedi del versante occidentale del Monte Carpegna, deve il suo assetto urbano all'unione dei due antichi castelli, quello dei Billi sopra la Rupe e quello dei Penna sopra il Roccione.
Inizialmente feudo dei Carpegna, in seguito lo divenne dei Malatesta - dei quali probabilmente ne fu anche la culla - prima che questi scendessero a Verucchio e a Rimini. Nel 1572, Gregorio XIII vi trasferì definitivamente da San Leo la sede della diocesi del Montefeltro, oggi denominata San Marino-Montefeltro. Numerose sono le testimonianze di questo passato: Ponte Malatesta, Borgo San Rocco, Chiesa S. Agostino con il monumento della Madonna delle Grazie e l'organo della fine del XVI° sec., il Museo Diocesano con un patrimonio artistico raccolto da tutto il Montefeltro, la Pieve Romanica di Ponte Messa, i ruderi del Palazzo Principesco di Scavolino, il Convento Agostiniano, la Chiesa Parrocchiale di Miratoio con il pregevole portale, la Torre quadrata di Bascio, la Torre cilindrica di Maciano e il Convento degli Oliva a Maciano.
Pennabilli, oltre alle testimonianze storico-artistiche, offre ai visitatori una prestigiosa Mostra-Mercato Nazionale dell'Antiquariato, la possibilità di visitare il Museo dell'Anima, museo diffuso del Montefeltro, ideato dal Poeta e Sceneggiatore Tonino Guerra. Quale comune interno al Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello, rappresenta inoltre una porta di ingresso verso itinerari immersi nel verde e nella natura.

Orari: è aperto al pubblico
il Venerdì dalle 9.00 alle 12.00
il Sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00
la Domenica e i festivi dalle 10.00 alle 12.00
Per gruppi anche su prenotazione

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Parco Naturale Regionale del Sasso Simone e Simoncello