Vai alla home di Parks.it

Linea Verde Tour: i nostri Parchi con l'Unione Pedemontana Parmense

In onda Sabato 24 ottobre alle 15 su Rai 1

(20 Ott 20) Sabato 24 ottobre alle ore 15 su Rai 1, l'arte, la storia, la natura e i tesori enogastronomici dei cinque Comuni di Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo, saranno i protagonisti della celebre trasmissione "Linea Verde Tour" dedicata proprio all'Unione Pedemontana Parmense.

Un viaggio in compagnia di Federico Quaranta, Giulia Capocchi e Peppone Calabrese che, partendo dai sapori inimitabili del Parmigiano-Reggiano, attraverserà tutta la Pedemontana Parmense.

Le telecamere si accenderanno sulla Fondazione Magnani Rocca, una delle più importanti istituzioni culturali in Italia per l'eccezionale Collezione, il Museo Renato Brozzi, che accoglie la produzione dell'artista testimonianza del suo intenso legame con Traversetolo, il Castello di Felino sede del Museo del Salame, la Corte di Giarola e il suo Museo del Pomodoro, la Rocca Sanvitale di Sala Baganza con il suo Museo del Vino e il Castello di Montechiarugolo.

Il nostro Centro Parco Corte di Giarola (Collecchio) ha fatto da set per l'approfondimento legato ai Musei del Cibo.

Abbiamo accompagnato la troupe televisiva nei Parco del Taro e nel Parco Boschi di Carrega dove sono state registrate spettacolari immagini con un drone.

La trasmissione è staa fortemente voluta e finanziata dall'Unione Pedemontana, insieme all'ente Parchi del Ducato, al quale hanno aderito, in qualità di sponsor, anche Ascom e Consorzio del Parmigiano-Reggiano.

I nostri territori ancora una volta "messi in mostra" in una vetrina di tutto rispetto per far conoscere le nostre bellezze e attirare turisti da tutta Italia.

L'operatore del drone al Casinetto dei Boschi di Carrega
Mario Marini (Musei del Cibo della Provincia di Parma) alla Corte di Giarola
L'operatore del drone sui colli di Felino
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Emilia Occidentale