Vai alla home di Parks.it
 

Il Parco presenta istanza di sospensione del provvedimento del Ministero dell’Ambiente con Procedura d'Urgenza

Riserve idriche per il fiume Ticino, per l’agricoltura e per Expo 2015

(Pontevecchio di Magenta, 19 Mar 15) Magenta 19 marzo 2015 - "Come annunciato, non essendo stato rispettato l'impegno di mantenere il livello del lago Maggiore a 1.5 metri sullo 0 idrometrico, come risulta dagli impegni presi anche nei tavoli tecnici, così da immagazzinare le necessarie riserve d'acqua in caso di siccità, il Parco del Ticino, ha notificato ieri con procedura d'urgenza  attraverso  i propri legali, Umberto Ferrari e Saverio Bertone di Pavia, al Tribunale Superiore delle Acque di Roma la richiesta di sospensione immediata  della direttiva del Ministero dell'Ambiente".
A parlare è il vicepresidente del Parco del Ticino, Luigi Duse, confermando l'intenzione dell'Ente di proseguire nella sua battaglia per il ripristino del + 1,50 metri sullo zero idrometrico alla Diga della Miorina di Sesto Calende che regola il deflusso del Lago Maggiore.
Il 15 marzo, infatti, il livello del lago Maggiore è stato portato a un metro sopra lo zero idrometrico.
"In questo momento si sta sprecando una grande quantità di riserva idrica fondamentale per il periodo estivo, per il fiume Ticino e la sua biodiversità, per le 7mila imprese agricole e per il normale svolgimento della manifestazione Expo 2015 che rischia di rimanere senza acqua sottoponendo l'Italia a una figuraccia mondiale. Per questo – prosegue il vicepresidente Luigi Duse - non avendo avuto riscontro ai nostri numerosi appelli, abbiamo ritenuto nostro dovere istituzionale intervenire in attesa di un pronunciamento definitivo del Tribunale Superiore delle Acque"

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
© 2022 - Parco Lombardo della Valle del Ticino