Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Successo di pubblico per lo spettacolo sul Parco Fluviale

Il 21 dicembre, al teatro di Dimaro, grande evento per i primi 3 anni di vita del Parco Fluviale Alto Noce. Nell’occasione è stata sottoscritta la proroga dell’Accordo di programma e presentato il volume Viaggio lungo il Noce in Val di Sole.

(Malé, 23 Dic 18) È stato un vero e proprio successo di pubblico la conferenza spettacolo dal titolo "Parco Fluviale Alto Noce. Un mondo d'acqua e di persone" organizzata dallo stesso Parco e dalla Comunità della Val di Sole venerdì 21 dicembre, al Teatro di Dimaro, in occasione del suo "compleanno". Il Parco Fluviale Alto Noce, infatti, ha festeggiato, alla presenza di numerose autorità, i tre anni di vita, con la sottoscrizione, da parte degli enti che hanno partecipato alla nascita, della proroga di un anno del cosiddetto Accordo di programma (in pratica l'atto costitutivo del Parco).

Durante la serata presentata da Rosario Fichera e patrocinata dal Comune di Dimaro Folgarida, sono stati inoltre presentati un documentario (a cura dello stesso Fichera), in cui si raccontano le bellezze naturali del Parco e le attività che sono state realizzate in tre anni coinvolgendo la comunità, nonché un libro dedicato al fiume Noce, intitolato "Viaggio lungo il Noce in Val di Sole, Storia e storie di un fiume", i cui contenuti sono stati descritti dall'artista Mauro Pancheri.

Il presidente del Parco, Alessandro Fantelli, ha ricordato le finalità che svolge questo innovativo strumento di gestione nato nel 2015 per la valorizzazione e la conservazione del patrimonio ambientale, ma anche storico-culturale della Val di Sole (il Parco, in questo senso, non costituisce una nuova area protetta, ma un innovativo strumento per gestire in modo condiviso le aree protette già esistenti nel territorio) evidenziando come il punto di forza di questa istituzione sia lo stare insieme, la comunità. Una comunità "forgiata" dal Noce e dall'acqua che rappresenta l'elemento caratterizzate della Val di Sole, corridoio ecologico di collegamento tra il Parco Nazionale dello Stelvio Trentino e il Parco Naturale Adamello Brenta.

Valori, questi, che sono stati ricordati, oltre all'importanza delle Reti di Riserve in cui s'inquadra lo stesso Parco Fluviale Alto Noce, anche dal vicepresidente e assessore all'ambiente della Provincia autonoma di Trento, Mario Tonina nel suo intervento di saluto, durante il quale ha sottolineato come sia fondamentale proteggere e allo stesso tempo valorizzare la biodiversità di aree come quella della Valle del Noce. Valle che è stata raccontata e celebrata per le sue acque, durante la conferenza spettacolo, anche con la musica, con le bellissime e applauditissime canzoni, in aria jazz, di Anna Maria Bertuzzi e le performance delle ragazze del Gruppo di ginnastica acrobatica della Valle del Noce, presieduto da Patrizia Cristofori. Le atlete hanno letteralmente galvanizzato il pubblico con le esibizioni dedicate al fiume, alla montagna da dove nasce e alla storia della Val di Sole.

L'acqua del fiume ha ispirato il Gruppo di ginnastica acrobatica della Valle del Noce
Il momento della firma della proroga dell'accordo di programma sul Parco
Laura Marinelli presenta il nuovo volume sul fiume Noce in Val di Sole
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2019 - Rete di Riserve Alto Noce