Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Una noce di burro

(Tione di Trento, 20 Nov 19) Il soleggiato altipiano del Bleggio si estende verso Nord, oltre i rilievi che sovrastano Riva del Garda fino alle Terme di Comano. Esposto a Sud e riparato dai venti, ha un'altitudine da media collina. Come ci preannuncia il toponimo, che deriva dal termine prelatino Blese ("pendio erboso"), ci troviamo in una zona verdissima ricca di pascoli e colture. È in questo contesto che si inserisce un'antica varietà locale trentina, la noce del Bleggio, che fu importata in tempi remoti dai Romani nel territorio della Riserva di Biosfera Alpi Ledrensi e Judicaria.

Il frutto presenta una forma piuttosto allungata, con i poli arrotondati, di dimensione più piccola rispetto alle noci comuni, ma dal gusto più intenso e speziato.

Questo prodotto di media pezzatura, il cui guscio si rompe facilmente, è molto adatto per la preparazione dolciaria, anche perché il gheriglio, una volta aperto, non rilascia sostanze oleose e perciò non macchia. Ecco perché, proprio grazie alle buone qualità organolettiche, fino agli anni '60 la bleggiana era molto ricercata, e veniva venduta addirittura ai commercianti di Napoli e una volta sgusciata, veniva esportata fino negli Stati Uniti.

Molteplici i prodotti gastronomici che derivano dall'utilizzo della noce: il famoso e robusto liquore "Nocino", che si ottiene usando il mallo, ossia la parte verde che ricopre il frutto; il fragrante pane alle noci; il "Nocetto", rarissimo salame alle noci, prodotto con una ricetta "segreta" e speciale.

Ma il dolce tipico di cui parliamo oggi è l'antica torta secca di noci, specialità di cui nonna Edvige di Marazzoneci concede la ricetta originale. Eccola:

Noci 150 g

Nocciole 50 g

Mandorle 100 g

Pinoli 50 g

Pangrattato 125 g

Farina 125 g

Burro 125 g

Zucchero 150 g

Uova n. 2

Lievito Gallo n. 2 bustine (prodotto trentino indimenticabile non più in commercio)

Rum n. 2 fiale

Vanillina n. 1 bustina

Scorza di limone e arancio

Sale q.b.

Spezie q.b

Dopo aver tritato grossolanamente la frutta secca ed averla amalgamata agli altri ingredienti, basta cuocere l'impasto a 50 gradi per 10 minuti, poi a 100 gradi per 15 minuti ed infine a 150 gradi per altri 25 minuti. Una volta sfornata, lasciate intiepidire la torta secca prima di sformarla e di condividerla con chi preferite. Sentirete che bontà…  perfetta per la stagione fredda e per ogni occasione speciale!

Il saporito frutto secco ed il suo prezioso albero rappresentavano un'importante risorsa per i paesani delle Giudicarie, sia dal punto di vista economico, sia da quello nutritivo. Tuttavia, a partire dagli anni Sessanta, la superficie coltivata subì un progressivo abbandono, principalmente a causa della scarsa capacità di commercializzazione e della prevalenza di coltivazioni economicamente più redditizie. A tale situazione di quasi totale abbandono, segue una graduale riscoperta: si capisce che la noce può dare concreto sostegno anche al turismo, in particolare attraverso l'impiego in ambito gastronomico e dolciario. A tal proposito, da qualche anno è nata la Confraternita della noce del Bleggio che promuove alcune iniziative per far comprendere l'importanza di piantare la noce bleggiana, oggi presidio Slow Food, e di recuperare il patrimonio locale esistente, ora in parte abbandonato a sé stesso.

Ricetta di nonna Edvige
Innesti al noce
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Riserva di Biosfera Unesco Alpi Ledrensi e Judicaria - Segretariato