Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Il Passo del Valoria

Confine climatico e punto d’incontro tra la Lunigiana e l’Appennino Parmense

( Passo del Valoria, 18 Set 20) Nel cuore della Riserva di Biosfera MAB UNESCO del Parco Nazionale dell'Appennino tosco-emiliano, un luogo emblematico è la sella del Monte Valoria. Questo luogo è uno snodo viario incredibile e punto d'incontro tra la Via Francigena e il Sentiero Italia, un itinerario escursionistico tra i più lunghi del mondo: 6880 km che attraversa le due grandi dorsali montuose della penisola – Alpi e Appennini – valicando sei siti naturali Unesco, 20 regioni e 360 comuni italiani.

Oltre a rappresentare un crocevia, il passo del Valoria è anche confine climatico e spartiacque tra il clima mediterraneo, che contraddistingue l'area della bassa Lunigiana, e il clima continentale, tipico della Pianura Padana.

Si tratta, inoltre, di un'area archeologica di primo piano: nel luglio 2011 furono condotte tre campagne di scavi sotto la direzione del dottor Angelo Ghiretti per l'Istituto di Storia della Cultura Materiale (ISCUM) - Genova.

Questo lavoro, riprendendo le parole del direttore dello scavo, "ha permesso di identificare, direttamente sulla sella di valico, un'area sacra frequentata in età romana repubblicana e tardoimperiale-tardoantica […]. L'area sacra sul Sella si caratterizza per un insieme di piccole fossette votive contenenti la moneta da offrire al dio "pro itu et reditu", (con questa invocazione, unita a un piccolo obolo, i mercanti e i legionari romani si garantivano l'indennità nel passaggio dei valichi alpini, temuti per la natura selvaggia e ostile forse più degli eserciti nemici), ingraziandosi così il buon esito del viaggio di andata e ritorno. I materiali rinvenuti, oltre seicento reperti d'età romana tra cui 316 monete, offrono nuovi spunti di ricerca sul percorso della romana Parma – Luni".

(Mattia Olivieri)

La sella del Valoria
Particolare degli archeologi al lavoro
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Ufficio Riserva MAB Appennino Tosco-Emiliano