Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

Biancone

Clicca per sentire il sonoro

Uccelli » Accipitriformi » Accipitridi

Le dimensioni (apertura alare di 1,85-1,95 m e lunghezza del corpo di 60-70 cm) si avvicinano a quelle dell'aquila reale. La parte inferiore del corpo e delle ali è tipicamente bianca, con lievi striature marroni, mentre il capo è di solito più scuro. Il dorso e la parte superiore delle ali sono invece bruno-grigiastre. Caratteristiche le tre barre scure sulla coda.

Biologia: Rapace molto specializzato, si nutre quasi esclusivamente di serpenti, soprattutto colubridi come il biacco, ma anche vipere. La preda viene privata della testa e poi in parte ingoiata o trattenuta con le zampe per essere trasportata al nido. Più raramente il biancone cattura piccoli mammiferi e uccelli. Il territorio scelto da ogni coppia è molto vasto. Il nido viene costruito su un albero (sono preferite le specie sempreverdi e le conifere) e vi viene deposto un solo uovo, da cui dopo 45 giorni uscirà il piccolo, che verrà nutrito dai genitori per circa due mesi prima che cominci a volare. In autunno è ormai pronto per ripartire con i genitori verso l'Africa.

Minacce: Il disturbo dei nidi dovuto al taglio del bosco nel periodo riproduttivo e la scarsità di alberi idonei alla nidificazione, possono compromettere la conservazione di questo rapace, mentre l'apertura della caccia in settembre e ottobre è causa di bracconaggio degli individui non ancora migrati. Può costituire una minaccia anche la persecuzione dei rettili di cui si nutre.

Distribuzione: La specie è migratrice e nidificante in Europa meridionale e orientale, dove arriva verso marzo, dopo aver passato l'inverno nell'Africa subtropicale. In Italia si distribuisce dalle Alpi occidentali fino alla Calabria, con popolazioni frammentate (in totale si stimano 200-400 coppie nidificanti in tutta la penisola). Solo raramente è stato segnalato qualche individuo svernante. In Toscana meridionale è presente nella Maremma e nelle colline interne.

Habitat: Sceglie zone boscose tranquille vicine a tratti aperti, soprattutto prati, pascoli e steppe. Di solito si mantiene a quote inferiori a 500 m s.l.m., prediligendo i climi caldi e secchi e la vegetazione sempreverde.

Nel Parco: E' segnalato per tutte le Riserve Naturali provinciali che hanno una superficie boscata idonea alla nidificazione (Castelvecchio, Alto Merse, Basso Merse, Farma, La Pietra, Cornate e Fosini, Lucciola Bella, Pigelleto, Pietraporciana).

Specie protetta

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2014 - Provincia di Siena - Servizio Riserve Naturali