Vai alla home di Parks.it
Banner Locale per la promozione del territorio

L'Area Protetta

Carta d'identità

  • Superficie a terra (ha): 1.377,00
  • Regioni: Friuli Venezia Giulia
  • Province: Udine
  • Comuni: Marano Lagunare
  • Provv.ti istitutivi: LR 42, art. 45 30/09/1996
  • Elenco Ufficiale AP: EUAP0979

 

 
Foce dello Stella

Area Protetta

Straordinario territorio tra la terraferma ed il mare, la laguna di Marano rappresenta, con quella di Grado, il comprensorio lagunare più settentrionale dell'Adriatico.
Uno degli ambienti più peculiari e distintivi dell'intero comprensorio lagunare regionale, dal notevole valore naturalistico, è la riserva naturale regionale Foci dello Stella. L'area protetta ha una superficie di 1.377 ettari, che interessano il delta del fiume Stella e alcune tipiche zone lagunari caratterizzate da notevoli variazioni di salinità e temperatura con presenza di canali, velme e barene.

Ulteriori informazioni

Chiurli
Alzavola

Gli Uccelli

Motivo di elevato pregio naturalistico della laguna ed in particolare delle Foci dello Stella è l'eccezionale presenza avifaunistica. Numerosi sono, infatti, per specie e quantità, gli uccelli che popolano ed animano tale ambiente palustre nelle diverse stagioni. Molti vi sostano durante le migrazioni, tanti vi trascorrono l'inverno ed altri ancora trovano qui l'habitat ideale perla nidificazione.
L'importanza ed il pregio internazionale delle Foci dello Stella sono stati ufficialmente sanciti nel 1979 con Decreto Ministeriale, che ha dichiarato l'area "zona umida di valore internazionale" quale habitat per gli uccelli acquatici ai sensi della convenzione di Ramsar.
Nell'ampio canneto esistente trovano rifugio tutte le principali specie tipiche di questi ambienti. Tra le specie nidificanti menzione particolare meritano l'airone rosso (Ardea purpurea), circa 80 coppie si riproducono nei canneti del delta dello Stella, il falco di palude (Circus aeruginosus) che trova qui la massima concentrazione forse a livello nazionale, e vari passeriformi come ad esempio basettino (Panurus biarmicus), salciaiola (Locustella luscinioides), cannareccione (Acrocephalus arundinaceus), e cannaiola (Acrocephalus scirpaceus).
Nelle sacche lagunari circostanti i canneti s'aggregano d'inverno grandi stormi  di uccelli acquatici in particolare folaghe ed anatidi quali: canapiglia (Anas strepera), alzavola (Anas crecca), germano reale (Anas platyrhynchos), mestolone (Anas clypeata), moriglione (Aythya ferina), moretta (Aythya fuligula) e quattrocchi (Bucephala clangula).

Ulteriori informazioni

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2018 - Comune di Marano Lagunare