Vai alla home di Parks.it

Riserva Naturale Speciale e Zona di Salvaguardia della Palude di San Genuario

Banner Locale per la promozione del territorio

L'Area Protetta

Carta d'identità

  • Superficie a terra (ha): 424,36
  • Regioni: Piemonte
  • Province: Vercelli
  • Comuni: Crescentino, Fontanetto Po, Livorno Ferraris, Trino
  • Provv.ti istitutivi: LR n.23 3/07/06
  • Elenco Ufficiale AP: EUAP1199

 

 

Caratteristiche del sito

L'area di "Palude di San Genuario" costituisce una delle poche interruzioni al continuum costituito dalla pianura risicola vercellese. Esso si estende per circa 426 ha, con una forma allungata in senso est-ovest, in corrispondenza di un antico terrazzo fluviale alla base del quale si colloca la testata di alcune risorgive. In ragione delle peculiari caratteristiche pedologiche, nell'ambito di tale area sono comprese porzioni di territorio storicamente marginali per gli usi agricoli.

La vegetazione

All'interno del biotopo sono presenti stagni occupati da popolamenti a dominanza di idrofite radicanti sommerse o flottanti quali: Utricularia australis, Potamogeton sp., Callitriche sp., Chara sp., ma anche da porzioni di lamineto a Nuphar luteum che presentano fasce di interramento ad alofite quali Phragmites australis, Typha latifolia, Carex sp. Nel sito è presente, inoltre, una fitta rete di canali alimentati anche dalle acque dei fontanili che si collega alle risaie e ai grandi canali irrigui. È diffusa la presenza di popolamenti vegetali a macrofite acquatiche. Le formazioni arboree presenti, pur relittuali, sono rappresentate da cenosi ben diversificate e caratterizzate da buona parte delle specie che definiscono i boschi planiziali ascrivibili al querco-carpineto.

La fauna

L'area è l'unica sito in Piemonte, e uno delle poche a livello nazionale, dove nidificano contemporaneamente Botaurus stellaris, Ardea purpurea e Circus aeruginosus, specie legate ad ambienti di canneto di una certa estensione ed estremamente localizzati in Italia, oltre a Ixobrychus minutus. Il sito è luogo di svernamento di Egretta alba, nonché di sosta e alimentazione di numerosi Ardeidae (Nycticorax nycticorax, Ardeola ralloides, Ardea cinerea, Egretta garzetta, Casmerodius albus); è inoltre segnalata la presenza di Aythya nyroca, che nell'area potrebbe trovare un sito idoneo alla nidificazione. È presente una delle poche popolazioni note a livello regionale di Emys orbicularis.

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2017 - Ente di gestione delle aree protette del Po vercellese-alessandrino