Vai alla home di Parks.it

Sito d'Interesse Comunitario e Zona di Protezione Speciale Salina di Cervia

 
Carta d'identità
Cod. RN2000: IT4070007
Superficie: 1'095.00 ha
Province: RA
nome fotografia1
Salina (foto di SIC Salina di Cervia)
nome fotografia2
Salina (foto di SIC Salina di Cervia)
nome fotografia3
Salina di Cervia (foto di SIC Salina di Cervia)

Saline etrusche

Fin dalla preistoria l'uomo ha sfruttato questa importantissima risorsa; lo sfruttamento del sale divenne in tempi storici più organizzato, e furono probabilmente gli etruschi ed i greci ad utilizzare in loco appieno questa risorsa, costruendo le prime vasche.
L'accesso e il deflusso delle acque marine sono regolati da canali artificiali in collegamento con il mare e da un canale circondariale che distribuisce le acque. L'estrazione del sale avviene in modo meccanizzato, anche se una piccola parte, di proprietà privata, viene sfruttata ancora in maniera artigianale, a scopo prevalentemente turistico.
Tra le specie vegetali sono da segnalare Limonium bellidifolium, Trachomitum venetum.
Importante sito di sosta e svernamento di Anatidi e Caradriformi (soprattutto Fischione e Piovanello pancianera) e di nidificazione di Cavaliere d’Italia, Avocetta, Sterna comune, Fraticello. Sono, infine, degni di nota, l'abbondante popolamento di Nono e la presenza, da confermare, dello Spinarello.

share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-twitter
Carta d'identità
Cod. RN2000: IT4070007
Superficie: 1'095.00 ha
Province: RA
  • Saltworks
    Valorizzazione ecosostenibile
    delle Saline tra
    Italia e Slovenia
Mostratevi online ai lettori di Parks.it
© 2022 - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Delta del Po, Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Punta Marina