Vai alla home di Parks.it

1. Da Seriate a Ghisalba

A piedi         Elevato interesse: fauna Elevato interesse: storia 
  • Partenza: Seriate
  • Arrivo: Ghisalba

Dal punto di vista ambientale si tratta di una zona fortemente antropizzata dove l'azione dell'uomo ha fortemente modificato il paesaggio con la realizzazione di molteplici infrastrutture.
Il tratto è caratterizzato dalla presenza di grossi ciottoli trasportati dal fiume fino allo sbocco della valle Seriana. L'area è inoltre connotato dalla presenza di praterie magra di pianura che vegetano sul sottile strato di terreno formatosi sopra le ghiaie; al loro interno rari cespugli e qualche albero.
Nella zona di Seriate è possibile osservare una particolare roccia sedimentaria, il ceppo lombardo, un conglomerato molto duro risalente al periodo quaternario.
A Grassobbio è possibile visitare palazzo Belli del XVII sec. e la chiesetta cinquecentesca dell'Assunta.
Dal punto di vista faunistico è possibile osservare alcune colonie di coniglio selvatico, mentre tra gli uccelli di interesse è la presenza dell'occhiocotto, della bigia padovana, della cappellaccia e del succiacapre. Interessante l'abitato di Urgnano che possiede una struttura di origine medievale con la Rocca del XII secolo. Un possibile percorso a piedi parte dal canile di Seriate presso l'Oasi Verde II da dove ci si può spingere verso sud seguendo il percorso pedociclabile che costeggia il fiume Serio e prosegue in comune di Grassobbio.
Un altro possibile itinerario a piedi prevede partenza per il fiume e ritorno dal castello di Malpaga e successiva visita dello stesso e dell'altro castello di Cavernago Martinengo Colleoni posto a poca distanza dal primo.

PDF Scarica cartina e descrizione


Praterie Magre
Praterie Magre
 
share-stampashare-mailQR Codeshare-facebookshare-deliciousshare-twitter
© 2020 - Parco del Serio