Vai alla home di Parks.it
Segnalazioni

La certificazione “Green List” per aree protette efficaci ed eque e il ruolo di Federparchi (WPC 07)

Il gruppo di lavoro italiano si occuperà del lancio anche per i Balcani e l’area mediterranea.
(SYDNEY, 14 Nov 14)    A Sidney, dopo aver celebrato il clamoroso successo delle aree protette nel mondo (+ 58% in numero e + 48% in superficie), nella giornata odierna (14 novembre) l'attenzione è stata centrata sulla necessità di migliorare l'efficacia e l'equità dei parchi. La certificazione "Green List" per aree protette efficaci ed eque sarà il principale strumento per avviare il necessario processo di miglioramento della governance, indispensabile anche per non disperdere le risorse e per valorizzare il contributo dei parchi sul territorio.
   Federparchi – Europarc Italia è tra le organizzazioni a livello mondiale che ha lavorato con successo alla definizione degli standard "Green List" adattandone i criteri alla realtà italiana e individuando gli obiettivi che saranno utilissimi per permettere un salto di qualità gestionale alle aree protette italiane, che partono così in vantaggio rispetto agli standard internazionali. Il lavoro di Federparchi è stato molto apprezzato anche dalla IUCN che ha proposto al gruppo di lavoro italiano di occuparsi del lancio Green List anche per i Balcani e l'area mediterranea. Poche ore fa, a dimostrazione di tutto questo, è arrivato un premio al gruppo di lavoro italiano coordinato da Federparchi.
   Le aree protette nel mondo – dicevamo - sono aumentate nell'ultimo decennio del 58% (per quanto concerne il numero) e in estensione del 48%. Tuttavia solo un'area su quattro è gestita correttamente e metà dei siti più importanti al mondo per biodiversità sono ancora privi di protezione. In questi primi giorni di congresso è stato presentato un aggiornamento dei progressi verso i target della Convenzione di Aichi sulla biodiversità, firmata nel 1992 da 193 nazioni, con l'obiettivo-chiave di proteggere bene entro il 2020 almeno il 17% delle aree terrestri del mondo e il 10% di quelle marine.
Area Protetta: Diverse  |  Fonte: Federparchi
 
sharePrintshareMailshareFacebookshareDeliciousshareTwitter
© 2017 - Parks.it